Pensione di vecchiaia anticipata per invalidità: i requisiti

-
28/08/2020

Pensione di vecchiaia anticipata per invalidità, i casi possibili per fare domanda già a 56 anni. I beneficiari e cosa fare nel caso in cui la percentuale invalidante sia inferiore.

Pensione di vecchiaia anticipata per invalidità: i requisiti

Pensione di vecchiaia anticipata per invalidità, un lettore ci pone la seguente domanda. ‘Ho un’invalidità del 74% e 32 anni di contributi, posso accedere alla pensione di vecchiaia anticipata? Vi ringrazio’.  Analizziamo il quesito esponendo i requisiti che danno diritto a questa forma pensionistica anticipata.

Pensione di vecchiaia anticipata

Possono fare richiesta della pensione di vecchiaia anticipata (pensione di invalidità) coloro che hanno un’invalidità superiore all’80 per cento. Questa misura ha parte delle pensioni news del 2020 e non ed istituzionale, questo significa che non ha una scadenza e quindi non è soggetta alla proroga annualmente. 

Beneficiari

Analizziamo i requisiti richiesti per questa misura e le categorie di lavoratori disabili che possono fare domanda. Possono accedere alla pensione di vecchiaia anticipata i lavoratori invalidi con una percentuale superiore all’80 per cento: se uomini con un’età anagrafica di anni 61; se donne di anni 56. Richiesta un’anzianità contributiva minima di venti anni. 

Possono fare domanda alla pensione di vecchiaia anticipata i lavoratori non vedenti, se dopo la  cecità ha  almeno dieci anni di assicurazione e contribuzione obbligatoria, con i seguenti requisiti: uomini con un’età di anni 55  e donne di anni 50.

Possono fare domanda i lavoratori non vedenti, in tutti gli altri casi: se uomini con un’età di anni 60  e donne con anni 55.

La pensione di vecchiaia anticipata è soggetta all’adeguamento all’aspettativa di vita, questo significa che i requisiti anagrafici saranno adeguati e subiranno un aumento già dal 2021. 

Inoltre, questa forma pensionistica è soggetta alla finestra di dodici mesi di finestra mobile, questo significa che il primo rateo pensionistico si riceverà dopo dodici mesi dalla maturazione dei requisiti. 

La pensione di vecchiaia anticipata per invalidità è soggetta al benestare della Commissione medico legale Inps, quindi, il richiedente si dovrà sottoporre alla visita medica presso gli uffici sanitari Inps per stabilire il suo grado di invalidità. 

Questa misura come sopra sottolineato è riservato ai lavoratori del settore privato, nel suo caso lei non può acceder alla pensione di vecchiaia anticipata in quanto la percentuale invalidante non soddisfa il requisito richiesto.

Se lo stato invalidante è peggiorato rispetto alla visita medica che ha stabilito la percentuale invalidante, è possibile presentare una domanda di aggravamento. L’Iter sarà lo stesso di quello per la richiesta di invalidità, si consiglia di presentare alla visita medica documentazione aggiornata che comprovi l’aggravamento dello stato patologico