Pensione di vecchiaia contributiva con 5 anni di contributi, requisiti

-
25/08/2020

Pensione di vecchiaia contributiva possibile fare domanda con solo cinque anni di contributi, ma c’è un limite anagrafico da rispettare e un fattore temporale del versamento dei contributi, ecco di cosa si tratta.

Pensione di vecchiaia contributiva con 5 anni di contributi, requisiti

La pensione di vecchiaia nel 2020 permette l’accesso all’età di 67 anni con un’anzianità contributiva di 20 anni; esiste la pensione di vecchiaia contributiva che permette l’accesso anche con solo cinque anni di contributi. Questa misura pensionistica, anche se poco conosciuta è attualmente in vigore e fa parte delle pensioni news. Scopriamo di cosa si tratta esaminando i requisiti richiesti e l’importo dell’assegno che si percepisce. 

Pensione di vecchiaia contributiva con solo cinque anni di contributi

Questa misura è destinata a coloro che hanno pochi contributi e nella loro vita lavorativa non sono riusciti ad arrivare al requisito contributivo di venti anni richiesto per la pensione di vecchiaia con un’età di 67 anni. 

È  una poco conosciuta e non è facile accedervi, infatti, i contributi versati devono trovarsi in un determinato fattore temporale. Nello specifico possono presentare domanda coloro che hanno compiuto 71 anni di età e non hanno contributo prima del 31 dicembre 1995. In effetti devono aver maturato il primo contributo lavorativo dal 1° gennaio 1996. Questa opzione  permette di accedere alla pensione anche con un minimo di cinque anni di contributi. 


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Il calcolo dell’assegno è effettuato interamente con il sistema contributivo. Il valore indubbiamente non potrà essere alto, cinque anni sono davvero pochi,  e molto dipendente dall’importo contributivo versato. 

È possibile accedere anche alla pensione con l’opzione Dini se si perfezionano i requisiti in base al fattore temporale, ma cinque anni i questo caso non bastano.

La pensione Opzione Dini è reglata dalla circolare INPS n. 16 del 2013. L’Opzione Dini, è rimasta in vigore anche dopo la riforma pensione Monte – Fornero. Anche l’opzione Dini rientra tra le pensioni contributive, in quanto l’assegno è calcolato interamente con il sistema contributivo. Questa misura  prevede dei requisiti vincolanti:

un’anzianità contributiva di quindici anni;
avere almeno un contributo mensile versato prima del 31 dicembre 1995;
almeno diciotto anni di contributi al 31 dicembre 1995;
almeno cinque anni di contributi dopo il 1° gennaio 1996.

La prima cosa da fare per capire se è possibile fare domanda per queste misure è controllare l’estratto conto contributivo e verificare le date di versamento dei contributi. 

È possibile recarsi presso un patronato e chiedere assistenza e anche una simulazione dell’assegno che si andrebbe a percepire.