Pensione in deroga con 15 anni di contributi: quando e come spetta

-
13/07/2020

Non sempre è possibile ma esiste la possibilità di accedere al pensionamento al compimento dei 67 anni con un minimo di 15 anni di contributi grazie a 3 deroghe previste dalla legge Amato.

Pensione in deroga con 15 anni di contributi: quando e come spetta

In alcuni casi, anche se non si raggiungono i 20 anni di contributi minimi richiesti per l’accesso, si acquisisce comunque il diritto alla pensione di vecchiaia grazie alle pensioni in deroga che richiedono soltanto 15 anni di contributi. Le pensioni in deroga sono state introdotte dalla legge Amato. Vediamo le possibilità di accedervi.

Pensione in deroga con 15 anni di contributi

Una lettrice scrive per chiedere:

Buona sera, sono una donna ho 63 anni, ho maturato 16 anni di contributi prima del 1990 ho diritto a qualche forma di pensione? Devo aspettare per forza i 67 anni? Aspettando una risposta porgo i più cordiali saluti.

Con soltanto 16 anni di contributi, generalmente, le direi che il diritto alla pensione di vecchiaia non c’è poichè la stessa ne richiede un minimo di 20. Ma lei possiede i requisiti per accedere ad una delle tre deroghe che permettono la cosiddetta pensione quindicenne, ovvero con soli 15 anni di contributi maturati.

Per un approfondimento del tema consiglio la lettura dell’articolo: In pensione con 15 anni di contributi: quali alternative con pensioni quindicenni

Le 3 deroghe, contenute nella Legge Amato, prevedono la possibilità di accesso alla pensione di vecchiaia con soli 15 anni di contributi in determinati casi e quando il lavoratore possiede specifici requisiti.

La prima deroga permette l’accesso, al compimento dei 67 anni, a chi è in possesso di almeno 15 anni di contributi versati entro la fine del 1992.

La seconda deroga permette l’accesso, al compimento dei 67 anni, a chi ha chiesto ed ottenuto l’autorizzazione al versamento dei contributi volontari (pur senza versarli) entro la fine del 1992 ed è in possesso di almeno 15 anni di contributi maturati.

La terza deroga permette l’accesso, al compimento dei 67 anni, a chi ha una carriera discontinua e può vantare tutti i seguenti requisiti:

  • anzianità contributiva di almeno 25 anni (primo contributi versato almeno 15 anni prima della domanda di pensione)
  • almeno 15 anni di contributi versati
  • che per almeno 10 anni i contributi versati non raggiungano il massimo delle 52 settimane.

Nel suo caso, quindi, avendo 16 anni di contributi tutti versati prima del 1990 può accedere al pensionamento con la prima deroga. Attenzione, però, si tratta pur sempre di una pensione di vecchiaia e, di conseguenza, l’accesso è consentito solo al raggiungimento dei 67 anni di età.