Proroga Opzione donna nel 2021, le ipotesi

-
27/07/2020

Pensione Opzione donna, nel 2021 ci sarà la proroga? Il nostro Governo dovrà decidere su tutto il sistema previdenziale e sulle proroghe delle pensioni già in atto.

Proroga Opzione donna nel 2021, le ipotesi

La pensione Opzione donna per le lavoratrici dipendenti e autonome, è soggetta ogni anno a proroga. L’Opzione donna è stata introdotta dalla riforma Maroni nel 2004 e tutela le lavoratrici con il pensionamento anticipato. Questa misura prevede l’uscita dal mondo del lavoro a patto che la lavoratrice accetti il ricalcolo dell’assegno con il sistema contributivo, penalizzante rispetto al retributivo (attualmente sistema misto con l’ingresso della riforma Fornero). 

Pensione Opzione donna: un boom di adesioni

L’Opzione donna dal 2018 al 2015 ha avuto un vero boom di domande e anche nel 2019 è stata una misura molto richiesta. A invogliare le lavoratrice ad accettare questa misura pensionistica anche se penalizzante è stata la riforma Fornero che ha innalzato drasticamente l’età pensionabile e inserendo l’adeguamento all’aspettativa di vita. Attualmente la pensione di vecchiaia richiede 67 anni, con l’Opzione donna le lavoratrice possono uscire dal mondo del lavoro a 58 anni se dipendenti e 59 anni se autonome, uno sconto di circa otto – nove anni. 


Leggi anche: Bonus vacanze 2021, le novità: proroga con scadenza a fine anno grazie al Milleproroghe

Trovi nella nostra rubrica pensioni news tutte le novità sul sistema previdenziale. 

La proroga nel 2021? 

Buongiorno una domanda. So che per ora è tutto “una ipotesi “, ma secondo voi quante possibilità ci sono che opzione donna sia rinnovato e se si aumenteranno gli anni necessari o ci si ferma a 35? Grazie Angela 

È difficile rispondere a questa domanda, anche considerando la  situazione in cui versa l’Italia. Si spera in una proroga nel 2021, ma proprio in questi giorni si parla di un grosso passo indietro e un ritorno alla linea creata dalla Riforma Fornero. Anche se sono solo voci al momento. Domani ci sarà un primo incontro per capire quale linea seguire e come strutturare il sistema previdenziale italiano che non piace all’Unione Europea. Sicuramente ci saranno delle modifiche, ma davvero mi risulta difficile fare un ipotesi e soprattutto infondere speranze. 

Comunque se ci sarà una proroga nel 2021 comporterà quasi sicuramente una modifica del fattore temporale legato alla maturazione dei requisiti, altrimenti sarebbe troppo penalizzante. 

Tra qualche settimana le cose saranno più chiare e la nuova riforma pensione incomincerà a prendere forma e capiremo la posizione del Governo.