Per avere la pancia piatta bisogna ridurre il consumo di sale e aumentare l’assunzione di fibre e potassio

Per avere la pancia piatta bisogna ridurre in consumo di sale e aumentare il consumo di fibre e potassio.

Secondo una gastroenterologa statunitense per ridurre la pancia la cosa importante è ridurre il consumo di sale e aumentare l’assunzione di fibre e potassio, quindi basterebbero dei piccoli accorgimenti senza nessuna dieta drastica.

Pancia piatta? Meno sale, più fibre e potassio

Secondo questo studio americano chi assume troppo sale aiuterebbe il gonfiore addominale e per questo non si dovrebbe superare la dose giornaliera che è di 1,5 mg al giorno, di conseguenza per ovviare a questo problema la cosa importante è di salare meno le pietanze che si preparano casa e ridurre il consumo di snack e cibi preconfezionati.

Ma solo questo non basta, ci viene consigliato di introdurre nella propria dieta una quantità maggiore di fibre che aiutano e favoriscono il transito intestinale riducendo la sensazione di gonfiore. E allora si deve passare a consumare molta frutta e verdura a foglia verde, ricche di fibre e passare al consumo degli alimenti che contengono alte quantità di potassio come albicocche, banane, kiwi, uva, pomodori, broccoli, spinaci e lattuga che aiutano a contrastare l’insorgere della cellulite e favorendo lo smaltimento dei liquidi. Senza contare, che bere molta acqua in questa fase è fondamentale, aiuta a smaltire sale e potassio in eccesso.

Ricorrere ad una dieta leggera, ricca di frutta fresca e verdura cotta, preferibilmente a vapore, povera di grassi e zuccheri, queste poche e semplici mosse si rivelano molto utili al raggiungimento dello scopo desiderato, evitando di ricorrere a diete drastiche e che spesso sono controproducenti e debilitanti.

Dieta del finocchio: aiuta a dimagrire e depurarsi


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp