Percepire un assegno fino alla pensione di vecchiaia: alcuni chiarimenti

Percepire un assegno all’età di 57 anni fino alla pensione di vecchiaia è possibile ma questa misura non è per tutti, ecco i casi e i chiarimenti.

Dopo la pubblicazione del nostro articolo Percepire un assegno a 57 anni di età fino alla pensione di vecchiaia, è vero? , ci sono arrivate molte domande. In quest’articolo abbiamo chiarito alcuni aspetti rispondendo alle domande dei lettori, ricordiamo che la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (RITA) fa parte delle pensioni news

Percepire un assegno fino alla pensione di vecchiaia: Faq aggiornate

Domanda: Buongiorno  sono disoccupato da più di 10 anni o percepito per 18 mesi il reddito di inclusione ho 66 anni. Ho versamenti per soli 12 anni  il seguente RITA  lo potrei percepire? Grazie

Risposta: Purtroppo lei non può accedere alla Rendita Integrativa Temporanea Anticipata, perché questa misura richiede un requisito contributivo di 20 anni e inoltre è un requisito l’adesione ad un fondo di previdenza integrativa. Può vedere se rientra nella pensione a 71 anni con un minimo di 5 anni di contributi. La pensione di vecchiaia a 71 anni, permette l’acceso con almeno cinque anni di contributi, solo se i contributi sono stati versati dopo il 31 dicembre 1995.

Consulta la nostra guida: Pensionamento con la RITA: requisiti, aspetto fiscale e convenienza, guida completa

Domande:

1) Buonasera sono Mauro ho 57 anni 33 di contributi, sono disoccupato con problemi alla schiena.

2) Buonasera le scrivo per sapere se ho diritto alla RITA essendo inoccupato dall’agosto 2012, avendo 58 anni ed aver maturato circa 31 anni di contributi. Grazie

Risposta. Possono accedere alla Rendita Integrativa Temporanea Anticipata all’età di 57 anni, coloro che hanno aderito ad un fondo pensione e versato almeno cinque anni di contributi, oltre ad avere 20 anni di contributi, essere lavoratore disoccupato di lunga durata e avere un’età di dieci anni prima all’età richiesta per la pensione di vecchiaia. Bisogna considerare che si tratta di una rendita calcolata sul montante contributivo accumulato nel fondo. Quindi, in poche parole, più soldi ci sono nel fondo più conveniente è la R.I.T.A. 

Quindi, in entrami i casi se avete aderito ad un fondo pensione è possibile inoltrare domanda attraverso il fondo di appartenenza. 

Domanda. Questa opportunità riguarda anche chi è tornato dall estero ma comunque cittadino italiano?

Risposta. Lei se ha aderito ad un fondo pensione che da accesso alla Rendita Integrativa Temporanea Anticipata, può fare domanda direttamente al Fondo di appartenenza, se ha contributi versati in Italia e all’Estero deve operare il cumulo. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”