Perché a volte siamo di cattivo umore? Scopriamolo

Spesso siamo di cattivo umore, la colpa di tutto questo è l’abbassamento di seratonina.

Spesso, soprattutto a causa di ritmi frenetici della nostra vita quotidiana, può capitare di sentirsi nervosi, irritabili e preoccupati senza saperne neanche il motivo. Quando questo succede si potrebbero essere abbassati i nostri livelli di seratonina. La seratonina è un neuro trasmettitore chiamato anche ormone del buonumore, importante per il nostro benessere con importanti funzioni biologiche.

Ma quale possono essere le reali cause e conseguenze del cattivo umore

Avere un livello di serotonina basso non influenza solo il buonumore, ma può portare problemi di natura sessuale, problemi di ansia e subire dei forti stati depressivi. Basta seguire alcuni schemi e fare alcuni accorgimenti, i principali sono sull’alimentazione e sull’esercizio fisico, così facendo il suo livello sarà regolato in modo naturale ed equilibrato.

Essendo la serotonina precursore della melatonina è fondamentale anche per una buona qualità del sonno, condurre una vita sana eliminando come prima cosa alcol e fumo tenendo sotto controllo lo stress è ottima cosa per alzare il livello in modo naturale.

L’attività fisica è una cosa molto importante, e le due cose naturali che fanno bene a questa causa sono jogging e pedalate in bicicletta, agendo come deceleratore facendoci capire quando lo sforzo è diventato eccessivo e occorre rallentare se non addirittura fermarsi.

La seratonina è presente in molti alimenti, primo fra tutti il cioccolato fondente. Altri alimenti che favoriscono la produzione di seratonina sono i legumi secchi, le uova, le banane, l’ananas, i pesci di mare, i cereali integrali, i formaggi freschi e le carni bianche.

Poi ci possono essere situazione simpatiche e curiose: la scienza dice che ad innalzare i livelli della seratonina, e anche di chi vi circonda, è l’innamoramento, provoca un vero e proprio picco.

I videogame in ufficio: nella pausa lavoro riducono lo stress

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest