Perché è gratificante fare un viaggio da soli

Perché fare un viaggio con qualcuno quando poi lo si può fare con se stessi? Sono numerosi i vantaggi di un viaggio fatto da soli!

Quante volte ascoltiamo in tv personaggi famosi che decidono di abbandonare la loro vita lussuosa, ogni comfort, per recarsi in posti molto lontani e farlo da soli, senza nessuno che li accompagni? Tantissime volte. Ma questa non è solo una realtà riservata ai più ricchi o ai più famosi, è una realtà che si sta diffondendo tantissimo anche in Italia. Certo, si pensa subito a qualcosa di brutto che possa accadere se si è da soli in luoghi sconosciuti, e se, invece, per ua volta pensassimo ai tanti aspetti positivi che solo un’esperienza del genere può darci? Che sia chiaro: viaggiare in compagnia di qualcuno è bello, però fare un viaggio da soli è una ricchezza in più, è un qualcosa che si deve fare per sè quando se ne ha la necessità, quando si capisce che qualcosa non va bene, ma anche se semplicemente si ama stare con se stessi. Un viaggio fatto in completa solitudine può avere dei benefici non poco importanti.

Perché viaggiare da soli può solo farci bene

Iniziamo col dirvi che a viaggiare da soli non sono  solo gli uomini, ma anche le donne. Anzi, quest’ultime costituiscono un numero molto importante.

E’ quindi probabile che in un vostro viaggio fatto in solitudine si incontri più donne sole che uomini.

Comunque, lasciamo il discorso di genere e passiamo direttamente all’aspetto benefico di una simile esperienza.

Come prima cosa, come già abbiamo detto sopra, fare un viaggio da soli è la risposta a ogni bisogno interno che si sente: seguire l’istinto è sempre la risposta giusta.

Perché essere vincolati a qualcuno per visitare posti che solo a voi piacciono? Perché sacrificarsi e magari seguire le scelte dell’altro?

Al diavolo tutto e pensiamo a noi e ai nostri interessi.

Un viaggio fatto in solitudine è anche capace di aumentare la vostra autostima dato che avrete a che fare sempre e solo con voi stessi.

Ogni cosa, dalla colazione al mattino fino a dove dormire, dipenderà da voi, e questa sarà l’occasione giusta per mostrare a voi stessi/e che siete capaci di fare tutto anche da soli.

Il viaggio in solitudine è soprattutto un viaggio interiore, fatto col proprio sé che fatica ad uscire: questa sarà l’occasione giusta per prendervi un minuto di relax dallo stress quotidiano ed ascoltarvi e realemente capire cosa volete e chi siete.

E poi, chi ve lo dice che non potrete incontrare qualcuno di interessante? Magari un solitario o una solitaria come voi che ha lo stesso bisogno e dar vita ad un’amicizia.

Infine, il viaggio da soli è fatto soprattutto per capire che delle volte ci si va bene così come si è, senza pretendere troppo da sé, e soprattutto a stare bene con se stessi in solitudine.

Una volta imparato questo capirete che non solo non siete per chiunque, ma che avete una forza in più: la persona che si nascondeva dentro di voi.

 

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.