Perché i ribelli hanno una cattiva reputazione?

Essere ribelle, può portarti ad avere una brutta reputazione? Non sempre

Come essere un ribelle al lavoro, per farti andare avanti?

“Quando ci ribelliamo, troviamo molto piacere nel lavoro, nel gioco e anche nelle nostre interazioni con gli altri”, afferma l’autrice Francesca Gino

Perché i ribelli hanno una cattiva reputazione?

Spesso associamo la parola ribelle a vandalismo, furto, pericolo o persone non collaborative. Ma è tempo di ridefinire ciò che significa esattamente ribelle, perché a volte chi viola le regole è tra le persone più intelligenti.

I talenti dei ribelli

ribelliFrancesca Gino è l’autrice di un libro intitolato Rebel Talent, che indica come essere un ribelle può ripagare sia nella vita personale che professionale.

Parla alla BBC di persone come Massimo Bottari, uno dei più grandi chef del mondo e di come andare controcorrente è qualcosa che alcune delle menti più grandi amano davvero fare – non importa quanto strano o rischioso possa sembrare agli spettatori.

Ci rendiamo conto che il termine “ribelle” è caricato, quindi spiegheremo cosa intendiamo. Al livello più elementare, i ribelli “buoni” sanno creare modi nuovi e migliori di fare le cose, mentre i ribelli cattivi si scagliano contro ciò che non funziona. È facile lamentarsi, ma è molto più difficile capire cosa potrebbe essere fatto in modo diverso.

Come essere un artista più ribelle?

La risposta è sempre la stessa: non ci sono regole. Che cosa vuoi fare?

Ora non fraintendermi, non sto dicendo che dipingere all’alba non è una grande idea. O che essere serio sul tuo business non è importante. O che trascorrendo più ore sulla tua arte non ti porterà avanti più velocemente.

Ma per favore ascolta la tua voce interiore su ciò che è praticabile per te ora; cosa funzionerà con i tuoi orari, il tuo skillset, le tue ambizioni personali.

Prima scarti i “doveri”, prima puoi iniziare a modellare la tua arte e la tua vita creativa in ciò che vuoi veramente che sia.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.