Perdere peso con il digiuno intermittente, ecco quello che devi sapere

Ecco come dimagrire con il digiuno intermittente

Sempre più italiani alla ricerca di qualche dieta per perdere i fastidiosi chili di troppo, senza dubbio non si ha neanche tanta voglia di fare tantissime rinunce, sembra che la ricetta perfetta per dimagrire sia il digiuno intermittente.

Dimagrire con il digiuno intermittente

Sentiamo parlare spesso del fatto che si perdono i chili di troppo con il digiuno intermittente, ma cosa bisogna fare di preciso? Ebbene in questo articolo cercherò di spiegare meglio come funziona questa strategia per dimagrire.

Prima di tutto, bisogna sapere che il digiuno intermittente deve essere fatto in modo intelligente e mai improvvisato, c’è sempre di mezzo la propria salute.

Leggi anche: Dieta della pasta proteica: ecco come dimagrire e aumentare la muscolatura

Per dimagrire, digiunare è una tattica raccomandata, ma come e in che modo possiamo sfruttare al massimo questa strategia?

Esistono diversi tipi di digiuni intermittenti e la maggior parte di queste tattiche, prevede di mangiare per un certo periodo di tempo e poi improvvisamente digiunare per un tempo equivalente o maggiore.

Ma sorge la classica domanda: come farò a stare tutto questo tempo senza mangiare? In poche parole, il digiuno intermittente si basa sulla regola delle 16 ore di digiuno e 8 ore in cui sono permessi 3 pasti, spinge a bruciare grassi in eccesso e limita il senso di fame. Questa strategia per dimagrire, non è adatta a tutte le persone.

Dimagrire con il digiuno intermittenteQuando si parla di digiuno intermittente non vuol dire stare tutte quelle ore senza mangiare e bere assolutamente niente.

Leggi anche: La Dieta di Valter Longo, ecco come funziona

Valentina Fratoni, biologo nutrizionista di Firenze, spiega che ci sono alcuni alimenti che si possono consumare durante il digiuno: ‘’Caffè, tè verde e tè nero, integratori multivitaminici, acqua e stimolanti, come la caffeina, sono in grado persino di potenziare gli effetti del digiuno, mobilitando le scorte di glucosio e acidi grassi. Ci sono poi integratori in polvere, come aminoacidi ramificati Bcaa (L-Leucina, L-Isoleucina e L-Valina) da sciogliere in acqua. Anche l’olio di cocco non interrompe il digiuno glucidico, anzi, attiva le vie metaboliche che aiutano a bruciare i grassi. Ammessi perfino i cibi a bassissimo tenore calorico (meno di 50 calorie per 100 g) come la carne magra del pollame, il pesce, l’albume dell’uovo e le spezie (cannella, pepe nero, peperoncino, curcuma) in modo da evitare la perdita di massa magra’’.

Per quanto riguarda le 8 ore quando è permesso mangiare è possibile consumare pasti che prevedono una libera scelta di prodotti alimentari,  con la condizione di ridurre zuccheri, alcolici e rallentare anche il consumo di carboidrati e grassi.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.