Permessi legge 104 anche con handicap lieve?

Permessi legge 104 si possono fruire anche in situazione di handicap lieve? Analizziamo cosa prevede la normativa vigente in questi casi.

La legge 104 tutela i lavoratori disabili in situazione di handicap grave con una serie di benefici, tra questi i permessi di tre giorni retributivi coperti da contribuzione figurativa valida alla misura e al diritto. Un lettore ci pone la seguente domanda: Buongiorno mia madre è stato riconosciuto un handicap lieve- invalida 34-66%, ho diritto ai permessi ex L.104 per assisterà? Grazie.

Permessi legge 104: handicap lieve non ammesso

Gent.mo Sig.re

Possono fruire dei permessi legge 104 di tre giorni retribuiti al mese i lavoratori disabili in situazione di handicap grave a cui è stata riconosciuta la legge 104 secondo l’art. 3 comma 3 e i lavoratori che assistono il familiare in situazione di handicap grave sempre in possesso della legge 104 art. 3 coma 3.

Non è possibile fare richiesta dei permessi con u handicap lieve e senza il riconoscimento dell’art. 3 comma 3.

Consiglio di leggere: Verbale legge 104 art. 3 comma 1, comma 3 e difficoltà motorie: le differenze

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”