Permessi legge 104 di 3 giorni al mese: serve la giustifica?

Permessi legge 104 per assistere il familiare con handicap grave, bisogna dimostrare l’assistenza al familiare? Il medico dice di no…

La legge tutela il lavoratore con disabilità con tre giorni di permessi al mese, i cosiddetti “permessi legge 104“, retribuiti e coperti da contribuzione figurativa utile sia al diritto che alla misura ai fini pensionistici. Possono usufruire dei permessi i lavoratori disabili e i lavoratori che assistono un familiare con handicap grave. La legge nel tempo ha apportato varie modifiche alle modalità di fruizione per evitare abusi.

Permessi legge 104: serve la giustifica?

Un lettore ci chiede: “Mi chiamo M., mio padre abita a 200km. Da casa mia. L azienda mi chiede sempre la giustifica, è giusto? Il vecchio dottore di mio padre la rilasciava senza problemi. Questo nuovo dice che non c’è bisogno come devo fare. Vi ringrazio e saluto”.

Le ultime novità 

Le nuove disposizione del D.Lgs 119/2011, in attuazione dell’art. 23, comma 1, della legge 183 del 4 novembre 2010, prevedono che il lavoratore che usufruisce dei permessi per assistere il familiare con handicap grave, residente in un comune differente o con distanza superiore a 150 Km, deve attestare l’effettivo raggiungimento del familiare d’assistere presso il suo luogo di residenza.

Nel decreto sopra menzionato si parla di “idonea documentazione” o titolo di viaggio.

A chiarire questo aspetto al circolare Inps n. 32 del 6 marzo 2012 che al punto 4 riporta nello specifico che il lavoratore ha l’onere della prova e deve giustificare di essersi recato presso il domicilio del familiare al quale presta assistenza. La circolare consiglia l’uso di mezzi pubblici, treni, aerei, autobus, ecc., in modo da poter esibire il titolo di viaggio idoneo. 

Qualora il lavoratore non riesca a produrre la documentazione idonea giustificativa, l’assenza non potrà essere giustificata come permessi legge 104/92. 

La documentazione che attesti l’effettivo raggiungimento del familiare per il quale si presta assistenza è necessaria. Al suo medico può menzionare il D. Lgs 119/2011 sopra ho riportato i riferimenti. Inoltre, lei può attestare il viaggio con il pedaggio autostradale, oppure con autobus, o altro mezzo pubblico che ha utilizzato per il viaggio di andata e ritorno. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”