Permessi legge 104 e cassa integrazione, ecco cosa cambia

Permessi legge 104 per se stessi o per assistere il familiare con handicap grave, cosa cambia con la cassa integrazione? Il chiarimento arriva dall’Inps con il messaggio n.  026411/2009, che precisa quale criterio applicare per riproporzionare il numero dei giorni di permesso nel caso di sospensione dell’attività lavorativa per cassa integrazione. Precisa che la proporzione da seguire  è quello […]

Permessi legge 104 per se stessi o per assistere il familiare con handicap grave, cosa cambia con la cassa integrazione? Il chiarimento arriva dall’Inps con il messaggio n.  026411/2009, che precisa quale criterio applicare per riproporzionare il numero dei giorni di permesso nel caso di sospensione dell’attività lavorativa per cassa integrazione. Precisa che la proporzione da seguire  è quello indicato per il part-time verticale nella circolare n. 133/2000, ed esattamente:

x : a = b : c  dove:

“a” corrisponde al numero dei giorni di lavoro effettivo;
“b” corrisponde ai tre giorni di permesso teorici;
“c” corrisponde al numero dei giorni lavorativi.

Il risultato deve essere arrotondato all’unità inferiore o a quella superiore a seconda che la frazione sia pari o inferiore allo 0,50 o superiore.

Sui permessi legge 104 e la decurtazione dalle ferie, è intervenuta di recente un’importante ordinanza della Cassazione, n. 14468, chiarendo ancora una volta che i periodi di assenza dal lavoro fruiti per l’assistenza di un familiare con grave disabilità in base all’art. 33 della Legge n. 104/92 concorrono alla maturazione delle ferie. Per approfondire l’argomento, rimandiamo all’articolo: Permessi legge 104 e ferie, non vanno decurtate (la sentenza)

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.