Permessi legge 104 e turni di lavoro, la circolare Inps

Permessi legge 104 e turni di lavoro, quali agevolazioni sono previste e quali eccezioni, i chiarimenti dall’Inps.

Permessi legge 104 di tre giorni al mese per assistere il familiare con handicap grave, retribuiti e coperti da contribuzione figurativa. Possono fare domanda dei permessi sia i dipendenti del pubblico impiego sia i dipendenti del settore privato. Una lettrice ci chiede: “Buonasera Io ho mio marito che un disabile al 100% in sedia a rotelle Faccio un lavoro a turni di mattina, pomeriggio e sera fino alle 23 usufruisco dei permessi 104 a ore giornaliere e da 11anni a oggi mi hanno agevolato a fare una turnazione quasi tutta di mattina e poche sere. Da gennaio mi hanno detto che devo fare tutte le turnazioni a settimane (mattina, pomeriggio e sera) il che diventa un grande problema per l’assistenza a mio marito, oltre a chiedere di lavorare solo fino alle 22 per la sera, ho diritto ad altre agevolazioni? Mio marito dipende al 100% da me e lavoro anche nei festivi”.

Permessi legge 104 e turni di lavoro: la circolare Inps

A chiarire l’aspetto normativo della fruizione dei permessi legge 104 e i turni di lavoro è intervenuto l’Inps con la circolare numero 3114 del 7 agosto 2018.

Il D.L. numero  66 del 2003 all’art.1 1 definisce il lavoro a turni come “qualsiasi metodo di organizzazione del lavoro anche a squadre in base al quale dei lavoratori siano successivamente occupati negli stessi posti di lavoro, secondo un determinato ritmo, compreso il ritmo rotativo, che può essere di tipo continuo o discontinuo, e il quale comporti la necessità per i lavoratori di compiere un lavoro a ore differenti su un periodo determinato di giorni o di settimane”.

La normativa non prevede la possibilità di una modifica dei turni ma tutela il lavoratore che assiste il lavoratore con handicap grave con la possibilità di fruire dei permessi legge 104.

Nello specifico il giorno di permesso legge 104 può essere fruito in corrispondenza di un turno di lavoro notturno o festivo, ad esempio la domenica.

L’unica eccezione per il cambiamento dei turni è prevista nel lavoro notturno. La normativa stabilisce che il lavoratore che assiste il familiare con handicap grave ai sensi della legge 104 è esentato dai turni notturni. Non è esentato il lavoratore disabile che può chiedere di fruire del permesso legge 104 per sé stesso.

Per approfondimenti, consigliamo di leggere qui la circolare Inps n. 3114 del 07 agosto 2018


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”