Permessi legge 104: i 12 giorni in più sono pagati al 50%

12 giorni in più di permessi legge 104 da fruire tra marzo ed aprile: il trattamento economico cambia rispetto ai 3 giorni mensili standard?

Il Decreto Cura Italia ha introdotto la possibilità di fruire di 12 giorni in più di permessi legge 104 per i lavoratori disabili e per coloro che assistono un familiare con grave disabilità. Essendo una misura molto nuova, però, si fa ancora molta confusione sulla sua attuazione e molto spesso si teme non vengano retribuiti  come i normali 3 giorni di permessi mensili spettanti. Facciamo chiarezza al riguardo prendendo in esame la circolare dell’INPS e il decreto che introduce il beneficio.

Permessi legge 104 e retribuzione

Un nostro lettore ci scrive:

Buonasera il consulente del lavoro mi comunica che gli ulteriori dodici giorni per permessi l.104 92 saranno riconosciuti al 50% della retribuzione al contrario dei tre giorni mensili riconosciuti al 100% della retribuzione .
E’ esatto quanto afferma o sono tutti al 100% grazie mille saluti.

(In aggiunta ai 3 giorni mensili già previsti dalla legge n. 104/92 (3 per il mese di marzo e tre per il mese di aprile) è possibile fruire di ulteriori 12 giorni complessivi per i mesi di marzo e aprile. Tali giorni, anche frazionabili in ore, possono essere fruiti consecutivamente nello stesso mese).

Il Decreto Cura Italia, come abbiamo affermato in apertura, aggiunge ai normali 3 giorni di permessi legge 10, ulteriori 12 giorni che possono essere utilizzati, in totale, tra il mese di marzo e di aprile. A marzo e aprile, quindi, si avrà la possibilità di utilizzare 18 giorni di permesso legge 104 in totale così suddivisi: 3 giorni spettanti a marzo, 3 giorni spettanti ad aprile, 12 giorni da suddividere tra marzo ed aprile (o da fruire in uno solo dei due mesi).

L’INps con la circolare dello scorso 25 marzo rende note tutte le modalità per fruire dei giorni di permesso in questione che, come si sottolineano, sono equiparati ai 3 giorni standard spettanti. Le regole, quindi, per la retribuzione dei 12 giorni di permesso aggiuntivi, restano invariate e saranno, quindi, retribuiti al 100%.

Il Consulente del lavoro, probabilmente, ha fatto confusione con altre misure contenute nel Decreto Cura Italia poichè è previsto per i genitori che lavorano, un congedo parentale di 15 giorni retribuito al 50%. Ma le assicuro che nè nel decreto nè nella circolare INPS è riportata la riduzione della retribuzione spettante per i giorni di permesso aggiuntivi.

Le consiglio di consultare la nostra guida per tutti gli approfondimenti: Permessi legge 104 e ulteriori 12 giorni: l’Inps spiega come fare domanda

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.