Permessi legge 104: il viaggio deve essere giustificato da documenti

Permessi legge 104 per assistere il familiare disabile con una distanza superiore a 150 Km, la documentazione di viaggio è necessaria?

I permessi legge 104 di tre giorni retribuiti per assistere il familiare con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3; possono essere richiesti anche se si è distanti da casa del familiare disabile più di 150 Km. La normativa in questo caso prevede che il lavoratore presenti la documentazione di viaggio che attesti il raggiungimento del domicilio del familiare a cui si presta assistenza. (Decreto Legislativo 119/2011).

Permessi legge 104: quali sono i documenti di viaggio da indicare

Un lettore ci chiede: Buongiorno, vorrei chiedervi una consulenza riguardo alla seguente questione.

Io lavoro nella scuola, vivo a Milano e devo assistere un familiare nel mio comune di residenza in provincia di Avellino.

Ho letto che per i permessi 104 in luoghi distanti superiori a 150 km da quello in cui si vive, bisogna fornire al datore di lavoro un giustificativo (es.: biglietto bus, treno aereo etc.).

In merito a questa situazione ho due domande da porvi:

1) è sempre e comunque obbligatorio fornire tale giustificativo o ci sono delle eccezioni? Se sì quali?

2) Io prendo un bus da Milano a Foggia dove mi vengono a prendere in auto viaggiando per una strada interna fino al paese in provincia di Avellino: posso mostrare il biglietto del bus  da Milano a Foggia, ma come faccio a dimostrare il tratto Foggia-Avellino?

Vi ringrazio in anticipo per il VS aiuto.

Documentazione idonea da presentare al datore di lavoro

La risposta alla prima domanda è si, non ci sono eccezioni, bisogna sempre presentare la documentazione di viaggio quanto i permessi legge 104, vengono richiesti per un familiare distante più di 150 km. L’assenza non potrà essere giustificata senza idonea attestazione di viaggio giustificativa.

Nel caso specifico la risposta alla seconda domanda, si trova nella circolare Inps n. 32/2012 che chiarisce la documentazione idonea da esibire per giustificare l’assenza. Nello specifico è consigliato l’uso di mezzi di trasporto pubblici che permettono di avere ricevute da esibire al datore di lavoro. In via del tutto residuale, nell’impossibilità o non convenienza del mezzo pubblico, il dipendente si dovrà munire di apposita documentazione tale da dimostrare la sua presenza in loco. Tipo la richiesta effettuata ad un medico per il familiare disabile, ecc.

Le consiglio di verificare se esiste un’altra possibilità di un mezzo di trasporto pubblico per raggiungere il familiare d’assistere, in modo da poter documentare il viaggio al datore di lavoro.

Ti potrebbe interessare anche: Permessi legge 104 con distanza da casa superiore a 150 km, è possibile?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”