Permessi legge 104: serve la convivenza con il disabile?

I permessi legge 104 non richiedono la convivenza con il disabile e nella maggior parte dei casi neanche il rispetto di un ordine di priorità familiare.

Per il lavoratore che assiste familiare con grave disabilità in base alla legge 104, articolo 3, comma 3, è previsto il riconoscimento di 3 giorni di permesso mensile retribuito proprio per la cura del disabile. Il lavoratore, inoltre, che assiste il familiare disabile, sempre in base alla stessa legge, ha diritto anche ad un congedo straordinario retribuito per un massimo di 2 anni. I due istituti, regolati da legislazione diversa, richiedono, però, requisiti diversi. Cerchiamo di fare chiarezza al riguardo.

Permessi legge 104 e convivenza con il disabile

Una nostra lettrice ci chiede:

Buongiorno,io vorrei un chiarimento x poter usufruire dei permessi…mio papà ha una patologia grave (cancro) ma non abita con me,il comune è diverso,posso usufruire lo stesso dei permessi o è meglio che li usufruisca mio fratello che abita con lui? Grazie

E’ bene fare chiarezza su un punto specifico: a differenza del congedo straordinario retribuito, la fruizione dei permessi legge non richiede nè il rispetto dell’ordine di priorità familiare nè la convivenza con il disabile.

Il congedo straordinario retribuito, infatti, richiede che il lavoratore caregiver conviva con il disabile ma richiede anche che sia il titolare del diritto (per approfondire è opportuno leggere: Congedo straordinario con legge 104: diritto di priorità familiare).

I permessi legge 104, invece, non sono legati nè ad un ordine di priorità (può fruirne, quindi, il familiare che si prende effettivamente cura del disabile e non per forza in base ad un ordine specifico) nè della convivenza con il disabile.

Nel suo caso, quindi, dei 3 giorni di permessi legge retribuito potreste fruire sia lei che suo fratello, a vostra scelta o, addirittura entrambi in base all’effettiva cura che prestate a vostro padre. Può esserci, infatti, il lavoratore titolare del diritto e quello sostituto per fare in modo che la responsabilità non gravi interamente su un solo familiare. Per approfondire quest’ultimo argomento può leggere anche: Permessi legge 104: possono essere fruiti da 2 fratelli per la mamma.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.