Permessi legge 104: sono frazionabili in ore, tutte le novità

Permessi legge 104 sono frazionabili anche in ore, ecco quando e come è possibile.

Permessi Legge 104: in questo articolo, esamineremo quando i permessi sanciti dall’articolo 33 della Legge 104/92 per il lavoratore che assiste un proprio familiare con grave disabilità, si possono frazionare e fruire in ore.

Poiché tale norma non chiarisce se i permessi mensili fossero frazionabili in ore, gli enti previdenziali, con proprie circolari, sono intervenuti al riguardo.

Permessi legge 104 circolare INPDAP

L’istituto previdenziale INPDAP si è espresso sulla frazionabilità dei permessi 104 tramite la circolare INPDAP n.34 del 10 luglio 2000. Tale circolare permette al lavoratore che assiste un proprio familiare con gravi disabilità di frazionare i tre giorni di permesso mensile in ore, con un massimo di diciotto ore mensili.

Permessi legge 104 circolari INPS

L’istituto previdenziale INPS, invece, con la circolare INPS n.211 del 31 ottobre 1996 permetteva di poter frazionare i tre giorni di permesso in 6 mezze giornate. Dopo indicazioni ministeriali, l’INPS ha adottato la stessa soluzione dell’INPDAP. L’INPS con il messaggio n. 15995 del 18 giugno 2007 stabilisce la possibilità di disporre dei tre giorni di permesso mensile anche frazionati in permessi orari fino a un massimo di 18 ore mensili, questo però non esclude la possibilità di poter usufruirne in 6 mezze giornate.

Per i lavoratori che hanno diritto alle due ore di permesso giornaliero, lavoratori disabili o i genitori di persone di età inferiori ai tre anni, non è applicabile il limite delle 18 ore.

Con il successivo messaggio n. 16866 del 28 giugno 2007, l’INPS fa alcune precisazioni, il limite delle 18 ore viene applicato quando l’orario di lavoro è di 36 ore suddiviso in sei giorni lavorativi. I permessi legge 104 vanno, invece, ricalcolati con una formula diversa, e questi dipendono dall’orario su base settimanale o su base plurisettimanale.

Permessi legge 104 algoritmo di calcolo orari

L’INPS per calcolare le ore di permesso mensile applica un algoritmo in base agli orari settimanali dei lavoratori.

Per i lavoratori con un orario fissato su base settimanale l’algoritmo è: l’orario di lavoro settimanale va diviso per il numero dei giorni lavorativi settimanale e il risultato va moltiplicato per tre. Il risultato sono le ore che il lavoratore può usufruirne come permessi legge 104 durante il mese.

Per i lavoratori con orario di lavoro su base plurisettimanale l’algoritmo è: l’orario medio di lavoro settimanale diviso il numero medio di giorni lavorati nella settimana e il risultato moltiplicato per tre. Il risultato sono le ore di permesso Legge 104 da poter usufruire durante il mese.

In conclusione i Permessi legge 104 stabiliti dall’articolo 33 sono frazionabili in permessi orari.

Leggi anche: Permessi Legge 104 Se Il Familiare È Ricoverato Cosa Fare?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.