Pesce fritto, ricetta croccante e saporita per 6 persone

Il pesce fritto; un secondo piatto molto rinomato e richiesto tra le famiglie italiane, adatto a ogni occasione, inoltre lo troviamo sulle tavole natalizie

Il pesce fritto è un secondo piatto sfizioso e tanto gustoso. È molto rinomato e richiesto tra le famiglie italiane, è adatto a ogni tipo di occasione accompagnato da insalata, servito anche con una spruzzata di limone, inoltre è uno dei piatti serviti  nelle feste natalizie. Il pesce fritto si fa usando  calamari,  seppie, gamberi o gamberoni ma anche triglie o altri tipi ancora, dipende un po’ dal gusto personale. Per questa ricetta ho usato seppie, calamari, baccalà e gamberi, per fare un fritto croccante e asciutto basta infarinare con semola di grano duro e friggere a 170°. Andiamo a vedere come si fa

Pesce fritto ingredienti

1 seppia grande

1 calamaro grande

Gamberi circa 15

Baccalà

Farina di semola di grano duro q.b

Olio d’arachidi q.b

Pesce fritto preparazione

Iniziare con pulire tutti i pesci, tagliare  i calamari ad anelli e le seppie in pezzi, sciacquare i gamberi e il baccalà. Mettere tutto a colare in colini separati fino al momento d’infarinare e friggere. Asciugare il baccalà con carta scottex prima d’impanare, passare nella farina innanzitutto seppia e calamaro infine il baccalà. Mettere l’olio in una padella quanto basta a coprire seppie e anelli di calamaro, portare a temperatura di 170°, cominciare a friggere, rigirare spesso fino a doratura, continuare anche con il baccalà e infine i gamberi. I gamberi si cuociono in fretta bastano 3/5 minuti rigirandoli spesso. Quando tutto il pesce fritto è pronto servire con insalata e con un pizzico di sale e spruzzata di limone. Leggi anche: Baccalà fritto, ricetta tradizionale per la vigilia di Natale

preparazione pesce fritto


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Imma Castaldo

Cucinare e impastare è la mia più grande passione che coltivo da quando ero ragazza, ricordo ancora la mia prima pasta e fagioli all'età di 13 anni. Ma la dote più innata sono i dolci, non smetterei mai di farli ma anche di mangiarli, sono molto golosa soprattutto di cose buone. Mi piace imparare e sperimentare cose nuove uso molto il lievito madre per i lievitati e di conseguenza lunghe lievitazione. Avendo anche 3 ragazzi devo sempre inventarmi qualcosa per accontentarli: dai primi piatti alla pizza; dai secondi  al fast food.