Pignoramento rimborso 730: cosa cambia con la legge di bilancio 2020

Nella legge di Bilancio 2020 potrebbe essere inserito un provvedimento che porterebbe al pignoramento del rimborso 730.

La bozza del testo del decreto fiscale collegato alla legge di bilancio potrà novità anche sul rimborso del 730 che, in caso di approvazione senza modifiche porterebbe al pignoramento dei rimborsi in caso di debiti. Vediamo di cosa si tratta.

Pignoramento rimborso 730

Il decreto fiscale del 2020, tra le novità, potrebbe portare ad una stretta sulle compensazioni fiscali, ad una stretta sui rimborsi Irpef derivanti dal 730 per i contribuenti che hanno debiti con l’Erario e prevede anche la confisca dei beni per chi evade.

Per i dipendenti e pensionati con cartelle esattoriali non pagate, quindi, potrebbe scattare il pignoramento del rimborso Irpef sul 730. Con tale provvedimento il governo ha l’obiettivo di di imporre questo nuovo meccanismo al fine si evitare l’evasione fiscale. Il provvedimento riguarderebbe 745mila contribuenti che fruiscono ogni anno, con il rimborso 730, di 14,3 milioni di rimborso.

Dal 2020 l novità contenute nella legge di Bilancio faranno in modo che i contribuenti interessati in caso di cartelle esattoriali non saldate si vedranno tagliare le somme dal rimborso del 730.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.