Pink Floyd – Pulse, lo show finale

Pink Floyd – Pulse, lo show finale

Era il 1995 quando i Pink Floyd pubblicarono Pulse,lo show finale,suonato durante  The Division Bell Tour,un tour mondiale dove ha fatto il sold out ovunque sia passato. Pulse è un grande live dal punto di vista sonoro,nettamente superiore rispetto a Delicate Sound of Thunder anche se l’unico pezzo del primo periodo floydiano risulta essere il solo Astronomy Domine.

Pulse si apre con la classica Shine on You Crazy Diamond e subito dopo con Astronomy Domine,il giusto omaggio a Syd Barrett prima di immergersi in quello che sarà la parte più contemporanea del gruppo. I vari passaggi tra The Wall,Another Lapse of reason e The Division Bell sono intrecciati tra di loro in maniera lineare dando fluidità a quel sound che rallenta,frena,riparte, dando una serie di emozioni indescrivibili.I Pink Floyd riecheggiano vecchi suoni in chiave moderna e il risultato si vede,anzi,si sente. Il tutto è curato nei minimi particolari,dagli intrecci sonori alla coralità del gruppo impreziosito e ampliato dal sax di Dick Parry ,alle percussioni  Gary Wallis che affianca Mason mentre la parte vocale dei cori vanta la presenza di Sam Brown,Claudia Fontaine e Durga McBroom. A Wright alle tastiere viene affiancato invece John Carin.La ritmica viene affidata a Tin Renwick come seconda chitarra e Guy Pratt al basso.Quindi un super gruppo formato dai migliori session man in circolazione ed il risultato acustico è spettacolare. Inutile descrivere brano per brano in quanto la fluidità del suono(abbinata)a quella visiva da quella intensità che si percepisce dal primo ascolto. Pulse è inutile dirlo,è un grandissimo live,costruito e strutturato in maniera tale che i brani più famosi vengono reinterpretati in maniera più completa dal punto di vista sonoro dando quel senso di completezza e di raffinatezza che ogni canzone necessitava in quel preciso momento,tutto risulta essere ‘pieno’ in maniera omogenea senza strafare o stravolgere,dando così una seconda pelle a quella che è stata la storia del gruppo,lasciando in ricordo un ultimo show irripetibile e che sarà l’ultimo capitolo live dei Pink Floyd.

Se ti interessa leggi anche

Pink Floyd – The Piper at the Gates of Dawn, inizio di una nuova era

Pink Floyd – A Saucerful of Secrets, lo scrigno dei segreti

Pink Floyd – More, soundtrack from the Film More

Pink Floyd – Ummagumma, il capolavoro!

Pink Floyd – Meddle, sperimentazione di echi sonori

Pink Floyd – Atom Heart Mother, “il disco della mucca”

Pink Floyd – Obscured by Clouds, laboratori sonori,colonna sonora ”La Vallée”

Pink Floyd – The Dark Side Of the Moon, la parte scura dell’anima

Pink Floyd – Wish You Were Here, vorrei che tu fossi qui

Pink Floyd – Animals, la nascita di Algie

Pink Floyd – The Wall, il capolavoro sulla solitudine e l’alienazione

Pink Floyd – A Momentary Lapse of Reason, il ritorno al “suono”

Pink Floyd – Delicate Sound of Thunder, il delicato suono

Pink Floyd – The Division Bell, la nuova era

 

Tracklist

N.B. Gli asterischi rappresentano il mio indice di gradimento.

 

  • Shine On You Crazy Diamond (*****)
  • Astronomy Domine (*****)
  • What Do You Want from Me (****)
  • Learning to Fly (****)
  • Keep Talking (*****)
  • Hey You (*****)
  • Coming Back to Life (****)
  • A Great Day for Freedom (****)
  • Sorrow (*****)
  • High Hopes (*****)
  • Another Brick in the Wall (Part 2) (****)
  • Speak To Me (*****)
  • Breathe (*****)
  • On The Run (****)
  • Time (****)
  • The Great Gig In The Sky (*****)
  • Money (****)
  • Us and Them (****)
  • Any Colour You Like (*****)
  • Brain Damage (*****)
  • Eclipse (*****)
  • Wish You Were Here (*****)
  • Comfortably Numb (****)
  • Run Like Hell (*****)

Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Antonio Murante

Sono nato a Salerno nel 1971, romano d'adozione, amo dipingere,suonare il basso,amo la musica in tutte le sue forme ed è l'unica cosa a cui non rinuncerò mai.
Follow Me: