Pirateria: sono stati chiusi 18 mila siti di streaming delle partite di Serie A, ecco cosa succede

Chiusi tantissimi canali streaming, ecco cosa sta succedendo

Brutte notizie per gli appassionati di calcio, che finora vedevano le partite preferite in streaming. Viene comunicato che dall’inizio del campionato la Lega Calcio, sono stati bloccato 18 mila siti illegali per quanto riguarda lo streaming partite di Serie A.

Siti di streaming bloccati

Cresce sempre di più il fenomeno delle IPTV, e senza dubbio lo streaming video della Serie A fosse è uno degli argomenti più cercati nel fine settimana dagli appassionati di calcio. Capita a tutti di cercare una partita di calcio in streaming, ma sappiamo davvero tutti i rischi che corriamo nel momento in cui guardiamo qualcosa in modo illegale?

Leggi anche: IPTV arriva su WhatsApp con sky e Dazn, ma conosciamo tutti i rischi?

Chi tra gli utenti era a conoscenza che vedere in diretta streaming gli incontri della Serie A avesse un tale seguito. Adesso la Lega Serie A, ha annunciato di aver interrotto in questa prima parte di stagione del campionato italiano più di 18 mila siti. Il motivo è l’illegalità per quanto riguarda i video in streaming delle partite di Seria A.

IPTV illegaleCanali in streaming illegali

In continuo aumento le IPTV, rispetto agli anni scorsi sempre più applicazioni IPTV per riprodurre contenuti multimediali in streaming. Sono state prese serie misure di sicurezza al riguardo, ma nonostante questo ancora il fenomeno è un pericolo per gli utenti che navigano in Internet. Il sistema di trasmissione di segnali televisivi in web in maniera illegale cioè in cambio di pochi soldi per un pacchetto completo per vedere in streaming è un grave reato e va punito anche con la galera.

Leggi anche: Sky, Netflix e Dazn a poco prezzo? Ecco cosa si rischia

Bisogna fare massima attenzione quando si cerca di guardare un film oppure una partita, cartoni animali, serie tv, e altro in streaming, perché è possibile cascare nella trappola dei criminali web. Vengono venduti prodotti simili a quelli originali, a basso prezzo, ma il rischio è molto alto di entrare in illegalità e andare a finire in tribunale.

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.