Pizza con la scarola, ricetta originale napoletana

La pizza con la scarola è una specialità napoletana, una specie di focaccia ripiena di verdure e condita con olive, capperi, uva passa e pinoli

La pizza con la scarola,  una delle specialità della cucina napoletana come quella fritta. La pizza con la scarola, non è altro che un tipo di focaccia, un impasto di pasta morbido inoltre ripieno di verdura, condita con olive, capperi, uva passa e pinoli; una vera delizia per il palato. La pizza di scarola è il top delle preparazioni napoletane, infatti  in ogni casa in qualsiasi periodo dell’anno o ricorrenza si gusta questa pietanza rustica; inoltre è semplice da fare. In tempi addietro però si usava consumare durante i pranzi delle vigilie di Natale e Capodanno; con lo scopo di rimanere leggeri in attesa del  grande cenone. Allora venite con me a scoprire gli ingredienti.

Pizza con la scarola, ingredienti

Impasto pizza per 1 kg circa

300 gr di farina di tipo 1

150 gr di farina tipo o

50 gr di semola rimacinata di grano duro(più altra q.b per la spianatoia)

350 gr d’acqua

1 cucchiaino di miele

10 gr di sale

olio extravergine d’oliva q.b

1 gr di lievito secco

Ingredienti ripieno

1 kg e mezzo di scarola già pulita

olive nere e bianche q.b

capperi q.b

uva passa 2 cucchiai

1 cucchiaio di pinoli

aglio

olio extravergine

sale- pepe

Inoltre una teglia quadrata 40×40

Come preparare la pizza con la scarola

Impasto pizza

Cominciare con preparare l’impasto con lievitazione lunga, 24 ore. Iniziare a impastare nel primo pomeriggio per mangiarla il giorno dopo a pranzo. Invece se, si vuole mangiare per la cena, bisogna impastare nel tardo pomeriggio. Detto questo andiamo al procedimento, in una ciotola setacciare le farine, aggiungere il lievito e miscelare con un cucchiaio di legno oppure a mano, unire anche il miele e versare l’acqua, almeno la metà. Mescolare e man mano aggiungere l’acqua prima dell’ultima goccia unire anche il sale. Ottenere un impasto grossolano, far riposare un’ora coperto da pellicola; dopodiché versare un filo d’olio in superficie e fare un giro di pieghe e di nuovo a riposo per un’oracollage impasto

Proseguire così  per un totale di 3 volte, infine trasferire in un contenitore leggermente unto coperto da pellicola e dopo circa un’oretta mettere in frigo. Sette ore prima di mangiarla tirare l’impasto fuori dal frigo e fare acclimatare per circa due ore, versare su una spianatoia cosparsa di semola, dare una piega a tre e dopo mezz’ora stagliare i panetti, uno da 500 gr l’altro da 450 gr, coprire e far lievitare.

Ripieno

Lavare la scarola, bollirla in acqua e colarla in un colapasta. Intanto in una padella soffriggere l’aglio con le olive snocciolate e tagliate, unire la scarola e un po’ di sale, far cuocere per 10/15 minuti, poiché passerà in forno.scarole

Quando le palline di pizza sono pronte, imburrare la teglia allargare e stendere la pasta. Adagiare l’impasto distribuire  la scarola, unire anche l’uva passa ammollata e sciacquata e i pinoli aggiungere un filo d’olio e coprire con l’altro panetto. preparazione pizza con scarolaBucherellare la superficie e spennellare con l’olio. Infornare in forno preriscaldato a 250°modalità ventilato per 7 minuti sul ripiano in basso e 6 su quello in alto.Leggi anche:Pizza fritta: la vera ricetta napoletana

pizza e birra

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Imma Castaldo

Cucinare e impastare è la mia più grande passione che coltivo da quando ero ragazza, ricordo ancora la mia prima pasta e fagioli all'età di 13 anni. Ma la dote più innata sono i dolci, non smetterei mai di farli ma anche di mangiarli, sono molto golosa soprattutto di cose buone. Mi piace imparare e sperimentare cose nuove uso molto il lievito madre per i lievitati e di conseguenza lunghe lievitazione. Avendo anche 3 ragazzi devo sempre inventarmi qualcosa per accontentarli: dai primi piatti alla pizza; dai secondi  al fast food.