Polmonite da piumino: un uomo ha rischiato di morire a causa delle piume d’oca

Per la prima volta in Scozia ad un uomo di 43 anni è stata diagnosticata una polmonite da piumino.

È la prima volta che si sente una cosa del genere, un uomo rischia di morire per colpa delle piume d’oca di un piumino, un motivo in più per non scegliere un piumone con delle vere piume d’oca. È la storia incredibile accaduta ad un uomo di 43 anni in Scozia, i medici gli anno diagnosticato una polmonite da piumino causata da inalazione di polvere dalle piume che imbottiscono cuscini e coperte, è la prima volta che accade una cosa del genere.

Per la prima volta ad un uomo è stata diagnosticata una polmonite da piumino

Quest’uomo di 43 anni in Scozia ha incominciato un lungo calvario quando si è rivolto al suo medico lamentandosi di un affaticamento diventando poi stanchezza e fiato corto, fino ad arrivare al punto di non riuscire a stare in piedi. Non essendo fumatore, non avendo animali in casa e avendo esami del sangue buoni, solo dopo alcuni test si è potuto capire che il problema era alla biancheria in piuma, da poco era passato a questo tipo di biancheria e lasciato quella sintetica.

Altri test sono stati eseguiti successivamente e si è scoperto che il soggetto aveva sviluppato anticorpi alti nei confronti di proteine degli uccelli tipo piccioni e pappagalli. Ulteriori test hanno evidenziato una polmonite da ipersensibilità, polmoni gravemente infiammati. Solo dopo aver tolto di mezzo il piumone il paziente ha avuto dei miglioramenti e poi guarito definitivamente con delle cure farmacologiche.

Una cosa è certa, è probabile che questo fenomeno sia più frequente di quello che pensiamo, è in effetti una reazione antinfiammatoria alle piume d’oca o di anatra che si possono trovare in cuscini o piumoni. Un consiglio per trovare una soluzione ci può essere, non comprare più il piumone autentico di vera piuma, fa bene sicuramente alla nostra tasca e può farci bene anche alla salute.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube