POS: niente sanzioni per chi non accetta pagamenti con Bancomat e Carta di Credito

il Consiglio di Stato boccia le multe per chi non adempie all’obbligo di pagamento con i POS.

Bocciate le multe per chi non accetta i pagamenti elettronici con Bancomat o carta di credito, il Consiglio di Stato ha dichiarato che visto che il Decreto crescita non prevedesse sanzioni amministrative per chi non accettava pagamenti elettronici, questo ha determinato una vanificazione dell’obbligo. La patata bollente, ora, è stata girata al nuovo governo che dovrà decidere in proposito.

Pos obbligatorio e decreto Crescita

A introdurre l’obbligo di accettare i pagamenti elettronici con Carta di credito e bancomat è stato il decreto Crescita Monti e dal 30 giugno 2014 prevedeva che fossero accettati i pagamenti elettronici da parte di chi vende prodotti o presta servizi. Ma il decreto in questione non prevedeva sanzioni per non rispettava l’obbligo.

Con la legge di Stabilità 2016, poi, è arrivata la sanzione. La novità prevedeva di dover accettare obbligatoriamente  o pagamenti con bancomat e carta di credito imponendo ai trasgressori una sanzione amministrativa fino a 30 euro. In questo modo l’obbligo dei Pos era imposto.

Niente multa a chi non accetta il Pos

Il Consiglio di Stato ha appena detto NO alle multe per coloro che non accettano pagamenti elettronici. Le multe previste dalla legge di Stabilità 2016 non possono essere elevate poichè il fatto che il decreto crescita non prevedesse sanzioni per gli inadempienti  per il conseguente rifiuto di carte di credito o Bancomat ha determinato la mancata applicazione dell’obbligo in sé, vanificando la previsione legislativa.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.