PostePay: ecco l’ultima truffa agghiacciante

Attenzione alla nuova truffa PostePay, ecco cosa fanno i malintenzionati

Ancora una volta la Polizia Postale ci mette in guardia per quanto riguarda una truffa allucinante. Dal phishing al vishing, questa nuova tecnica, ha l’obbiettivo di impossessarsi di dati personali sensibili, al fine di svuotare completamente i conti correnti.

Truffa PostePay: attenzione

Questa nuova tecnica, chiamata vishing è il nuovo tentativo di truffatori per impossessarsi di dati sensibili personali con il fine di ottenere l’accesso a carte di credito, conti correnti e PostePay. La chiamata, arriva direttamente dai malintenzionati spacciandosi per ispettori della Polizia Postale, cosi da entrare in possesso dei dati. Con raggiri e false dichiarazioni richiedono alla vittima il codice di sblocco della PostePay, a questo punto è un gioco da ragazzi svuotarvi la carta. Sia lo phishing che lo smishing, mirano a prendere il denaro, la differenza al vishing è soltanto il mezzo con cui lo si diffonde.

Leggi anche: Whatsapp: “Uso gratuito per il tuo account scade entro 48 ore” è tutta una truffa

La Polizia Postale è in continuo lavoro anche tramite i più famosi social come ad esempio Facebook, Twitter, Instagram, per divulgare il più possibile ai propri utenti, questo tipo di truffa. Sia Poste Italiane che la Polizia stessa Postale, insiste nel richiedere ai vari utenti di non fornire assolutamente dati personali.

Nell’era di quello che noi chiamiamo l’era digitale, non si finisce mai di dare atto a truffaldini e malintenzionati di poter condurre una seconda vita alle nostre spalle. Ecco perché insistiamo nel ribadire di non fornire mai i propri dati personali, quelli dei famigliari o di altro genere, a telefonate anonime o persone di nostra non conoscenza, onde cosi evitare spiacevoli esperienze. Non è la prima volta che truffe simili mettono in serio pericolo i nostri risparmi, di gente onesta che tutti i giorni si alza e va a lavorare.

Leggi anche: Poste Italiane e la polemica sui buoni dimezzati, continuano i ricorsi

Con questo, non escludiamo che i malintenzionati siano già al lavoro per escogitare qualche altra diavoleria.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.