Pranzo di Carnevale, ricette tradizionali dall’antipasto al dolce

Pranzo di carnevale; un menù di ricette della tradizione, complete dall’antipasto al dolce, per chiudere una delle feste più simboliche e antiche

Pranzo di carnevale; il menù di questa settimana è dedicato proprio a questa festa di origini antiche e simboliche per la religione cristiana. Questa domenica è l’antivigilia del martedì grasso, ovvero si chiude il carnevale. In questo periodo come da tradizione, si preparano lasagne, dolci fritti, quali graffe, castagnole e chiacchiere e inoltre il sanguinaccio; crema al cioccolato. La mia idea di menù per il carnevale; è di aprire il pranzo con i panzerotti con ricotta, piccoli fagottini ripieni con prosciutto. Il primo come da tradizione; la lasagna ricetta originale napoletana. A seguire, come secondo il filetto di carne al barolo, accompagnato da un contorno di patate; il tortino aromatizzato al rosmarino. Come dolci non possono mancare quelli fritti, le graffette e in più la torta  per eccellenza del carnevale; il migliaccio. Andiamo nel dettaglio delle ricette.

MENÙ: PRANZO DI CARNEVALE

ANTIPASTO: PANZEROTTI CON RICOTTA

I panzerotti con ricotta; piccoli fagottini di pasta tipo frolla ripieni inoltre di prosciutto cotto, uova sode e provola, poi chiusi a mezzaluna e infine fritti. Un’idea sfiziosa, golosa e soprattutto semplici da fare. Adatti per molte occasioni come antipasto per un pranzo di famiglia, per una cena ma anche per arricchire un buffet per feste. Vediamo subito cosa occorre. QUI RICETTA

panzerotti con ricotta

PRIMO PIATTO: LA LASAGNA

La lasagna; primo piatto della domenica e del carnevale. Fatto di strati di sfoglia  di pasta fresca, farciti da ricotta, polpettine, provola e fiordilatte; il tutto irrorato da sugo e inoltre condito da formaggi. La lasagna è difatti  uno dei primi più rinomati e gustosi della tradizione napoletana, una ricetta facile si, ma un po’ elaborata. QUI RICETTA

lasagna

SECONDO PIATTO: FILETTO AL BAROLO

Filetto al barolo  secondo piatto genuino e gustoso; inoltre è un classico della tradizione italiana. La carne  macerata nel barolo vino rosso prodotto in Piemonte; con le verdure per circa 12 ore, poi soffritta e  cotta con la sua stessa marinatura. Ottima da portare in tavola per un pranzo speciale pure nelle feste. QUI RICETTA

filetto al barolo

CONTORNO: TORTINO DI PATATE

Un tortino di patate al rosmarino, semplice da fare, ma al tempo stesso saporito e con un unico ingrediente; la patata. Infatti solo patate, sale, pepe, olio e rosmarino; tagliate in fette e poi sistemate in teglia. Alternandole in strati con l’olio e gli aromi e poi cucinate al forno. Un’idea veramente deliziosa, diversa e inoltre economica, per preparare le patate. Un contorno saporito, basti pensare che neanche il tempo di portarlo in tavola è già sparito. QUI RICETTA

tortino di patate

DOLCE: GRAFFETTE

Quante volte veniamo attratti da bombe e graffette nelle vetrine dei bar, stuzzicando la nostra voglia di dolce; perché non prepararle noi stessi con ingredienti sicuramente freschi e genuini? Perché le cose fatte in casa sono da sempre sinonimo di bontà, leggerezza e sicurezza. Queste bombe le ho fatte con un impasto che mia madre mi ha insegnato, è una ricetta di ciambelle con patate, di una sofficità unica e facile da fare. QUI RICETTA

graffette dolci

DOLCE: MIGLIACCIO

Il migliaccio napoletano; un dolce tipico del martedì grasso, di origini campane. Il nome migliaccio deriva dal cereale che un tempo si usava mettere in questo dolce, “il milliaccium”, cioè pan di miglio. Oggi, invece il semolino ha sostituito il miglio, che insieme alla ricotta, zucchero, uova, latte e aromi, fanno di questo un dolce meraviglioso e goloso. QUI RICETTA

migliaccio napoletano


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Imma Castaldo

Cucinare e impastare è la mia più grande passione che coltivo da quando ero ragazza, ricordo ancora la mia prima pasta e fagioli all'età di 13 anni. Ma la dote più innata sono i dolci, non smetterei mai di farli ma anche di mangiarli, sono molto golosa soprattutto di cose buone. Mi piace imparare e sperimentare cose nuove uso molto il lievito madre per i lievitati e di conseguenza lunghe lievitazione. Avendo anche 3 ragazzi devo sempre inventarmi qualcosa per accontentarli: dai primi piatti alla pizza; dai secondi  al fast food.