Pressione alta di notte è pericolosa, ecco perché

La pressione alta di notte può essere molto pericolosa, il consiglio è quello di consultare un medico al più presto, si possono rischiare ictus e infarti.

Per la nostra salute dobbiamo fare attenzione ad alcune cose nella nostra vita, in particolare dobbiamo avere un occhio particolare per la pressione alta, soprattuttola notte. Vediamo perché.

Vediamo perché la pressione alta può essere pericolosa la notte

Come prima cosa capiamo bene il valore della pressione da che è dato: in effetti è la pressione che il sangue esercita sulle pareti dei vasi sanguigni e che, a sua volta, viene generata dalla forza della contrazione del cuore; per definire una pressione arteriosa giusta e normale i valori limite sono 130 per la massima e 90 per la minima.

Dobbiamo fare molta attenzione, in particolare per chi soffre già di ipertensione, in quanto più la pressione sale e supera i limiti e più si rischiano ictus, infarti o scompensi. Quello che bisogna sapere è che la notte i valori si vanno ad abbassare tra il 10% e il 20%, senza distinzione tra chi soffre di questa patologia o no.

Nel caso in cui un soggetto presenta questa patologia durante la notte, questo è un fattore molto pericoloso; il rischio cardiovascolare aumenta e, di conseguenza, si ha un pericolo maggiore di episodi di rischi, fino ad arrivare alla morte.

Un motivo che vi potrebbe indurre a preoccuparvi è la minzione frequente di notte, potrebbe significare che la pressione arteriosa si alza. Durante la notte solitamente avviene una contrazione che permette di dormire, così da non svegliarsi per urinare.

Se si va spesso ad urinare durante la notte ci potrebbe essere un problema di un eccesso di liquidi nel corpo e una conseguente pressione arteriosa alta. Un problema potrebbe essere anche il troppo sale assunto nella cena, ma se vi alzate più volte durante la notte, l’unico consiglio che vi si può dare è quello di consultare al più presto un medico per chiedere consiglio.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp