Prestiti e finanziamenti: sospensione rate per coronavirus fino a 6 mesi

Le rate dei prestiti e dei finanziamenti fino a 1.000 euro sono sospese su richiesta del contribuente fino a 6 mesi. La domanda può essere inoltrata con una semplice mail anche non certificata, tutte le ultime novità.

Finalmente arriva la sospensione dei prestiti e finanziamenti di importo superiore a euro 1.000 e dalla data originaria fino a sei mesi. La sospensione è dovuta da banche e intermediari finanziari a favore di consumatori e stipulati fino al momento in cui verrà accolta la moratoria Covid-19 per il credito ai consumatori pubblicata da Assofin. La moratoria Covid-19 darà ossigeno a molte famiglie permettendo la sospensione delle rate dei prestiti e dei finanziamenti fino a 1.000 euro.

Prestiti e finanziamenti: chi può fare domanda?

Possono fare domanda della sospensione dei prestiti e finanziamenti tutti coloro che sono titolari di contratti di credito ai consumatore, a partire da una data successiva al 21 febbraio 2020 fino alla data ultima 30 giugno 2020, che si trovano nelle seguenti condizioni:

  • Cessazione del rapporto di lavoro subordinato
  • Cessazione dei rapporti di lavoro “atipici”
  • Sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per almeno 30 giorni (Cassa Integrazione o altri ammortizzatori sociali)
  • Lavoratori autonomi e liberi professionisti che possano autocertificare una riduzione del fatturato superiore al 33%
  • Gli eredi che presentino le caratteristiche prima elencate di soggetti deceduti che avessero stipulato contratti non assistiti da polizza di protezione del credito

Cosa riguarda la sospensione delle rate

La sospensione può essere richiesta alternativamente per:

√ il pagamento dell’intera rata mensile del finanziamento per la durata fino a sei mesi (equivalente in caso di rate non mensili)

√ il pagamento della sola quota capitale fino a sei mesi (equivalente in rate mensili)

La sospensione comporterà un prolungamento del periodo di ammortamento in base al fattore temporale della sospensione concordata.

Al richiedente la sospensione delle rate di finanziamento o di prestito non saranno addebitati oneri o costi per l’espletamento delle procedute necessarie per la sospensione.

La sospensione delle rate di prestiti o finanziamenti: tramite mail anche non certificata

La sospensione delle rate di prestiti o finanziamenti può essere inoltrata a seguito dell’applicazione della moratoria tramite le modalità previste dal decreto Liquidità n. 23 dell’8 marzo 2020; ovvero tramite indirizzo di posta elettronica non certificata o con altro strumento idoneo. Alla domanda dovranno essere allegati oltre la richiesta di sospensione anche copia di un documento di riconoscimento in corso di validità. 

Nello specifico il decreto riporta: ” anche se il cliente esprime il proprio consenso mediante il proprio indirizzo di posta elettronica non certificata o con altro strumento idoneo, a condizione che questi siano accompagnati da copia di un documento di riconoscimento in corso di validità del contraente, facciano riferimento ad un contratto identificabile in modo certo e siano conservati insieme al contratto medesimo con modalità tali da garantirne la sicurezza, l’integrità e l’immodificabilità. Il requisito della consegna di copia del contratto è soddisfatto mediante la messa a disposizione del cliente di copia del testo del contratto su supporto durevole; l’intermediario consegna copia cartacea del contratto al cliente alla prima occasione utile successiva al termine dello stato di emergenza. Il cliente può usare il medesimo strumento impiegato per esprimere il consenso al contratto anche per esercitare il diritto di recesso previsto dalla legge.”


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”