Prestito agevolato Inps legge 104: con quali pensioni si può richiedere? Ecco le novità

Prestito agevolato Inps: ecco le pensioni con cui si può ottenere e i requisiti necessari per fare domanda, guida completa.

Partiamo col dire che non tutti i pensionati possono far richiesta di un prestito agevolato INPS. Per poter accedere a tale prestito c’è la necessità dell’esistenza di alcuni requisiti ben precisi, tra questi quello più importante è percepire una pensione che l’Istituto ritiene cedibile, cioè che può essere messa a garanzia del prestito.  Vediamo quali sono le pensioni cedibili e quali no.

Prestito agevolato INPS: con quali pensione si può far richiesta

In redazione ci giungono sempre più quesiti su come poter richiedere un prestito agevolato Inps. Oggi analizziamo un quesito di una nostra lettrice, che recita:

Mio marito dializzato percepisce pensione di euro 1200 comprensiva di 513 per lavoro rinnovabile di tre anni in tre anni, 287 euro per invalidità all’ 100% e 365 euro di rendita vitalizia per un infortunio sul lavoro del 2001. Vorremmo chiedere 2.500 – 3.000 euro per l’acquisto di una piccola vettura usata tramite Inps. È possibile?”

Analizziamo i tipi di pensioni che percepisce il marito della nostra lettrice.

Prestito agevolato Inps: ecco le pensioni con cui si può accedere

Il prestito agevolato che l’Inps concede ai pensionati è il cosiddetto “Cessione del quinto” è un prestito che il pensionato può ottenere da un istituto di credito e rimborsare con un addebito automatico che l’Inps effettua sulla pensione. Il prelievo non può superare un quinto dell’importo mensile della pensione. L’Inps provvederà a versare la rata stabilita trattenendola dalla pensione. La durata del prestito non può superare i 10 anni ed è obbligatoria la copertura assicurativa per il rischio di premorienza del titolare della prestazione.

La cessione del quinto, in base a ciò che si rileva dal sito dell’Inps, non può essere concessa su alcuni tipi di pensione perché ritenute non cedibili. Esse sono:

  • pensioni e assegni sociali;
  • invalidità civili;
  • assegni mensili per l’assistenza ai pensionati per inabilità;
  • assegni di sostegno al reddito (VOCRED, VOCOOP, VOESO);
  • assegni al nucleo familiare;
  • pensioni con contitolarità per la quota parte non di pertinenza del soggetto richiedente la cessione;
  • prestazioni di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7 – ter, della Legge n. 92/2012.

Un altro requisito da rispettare per ottenere la cessione del quinto è il rispetto dell’importo minimo, questo consiste che l’importo restante al pensionato al netto della rata da pagare non sia inferiore a 513,01 euro stabilito nei termini di legge di pensione minima.

Risposta alla nostra lettrice

Dal quesito risulta che il soggetto percepisce una pensione di inabilità dell’importo di 513 euro, una pensione di invalidità di 287 euro e una rendita Inail di 365 euro. Nell’analizzare i vari tipi di pensioni, l’Inps le ritiene tutte pensioni non cedibili, quindi non possono essere messe a garanzia per un prestito agevolato Inps. Un’alternativa è chiedere un prestito personale ad una Banca o ad una Società finanziaria, ma faccio presente che il buon fine della procedura è a discrezione delle stesse.

Per ulteriori chiarimenti invito al leggere il seguente articolo: Prestito agevolato legge 104: come ottenerlo con la pensione inabilità e qual è l’importo minimo

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.