Prestito personale con legge 104: ne hanno diritto anche i lavoratori autonomi? Ecco cosa fare

Prestito personale: la procedura di richiesta per i lavoratori autonomi. Ecco cosa fare

Per poter ottenere un prestito da parte di lavoratori autonomi, oggi non è cosa facile, infatti le banche sono riluttanti a concedere finanziamenti a questa categoria.  Per far sì che la richiesta di un prestito personale da parte di lavoratori autonomi abbia esito positivo. Bisogna fornire all’istituto di credito ulteriori garanzie oltre al solo reddito. Una delle  garanzie che affianca il reddito del lavoratore autonomo è la firma di un garante con un reddito da contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato.

Prestito personale: i lavoratori autonomi ne hanno diritto?

I lavoratori autonomi si chiedono come possono ottenere un prestito personale, proprio a questo proposito ci è giunto in redazione il quesito di questo nostro lettore:

Egr.imo Direttore,

Mi chiamo B.H. vivo in Italia da circa 20 Anni con documenti regolari e le dichiarazioni come ditta individuale lavoro autonomo. Dal 2015 sono un invalido civile con il 74%, ho la 104 e percepisco 287 euro al mese come invalido. Ho fatto richiesta per un piccolo prestito di 1000€ alla Compass, però ahimè, non mi è stato dato anche sé non ho presentato l’invalidità che percepisco! Le chiedo, io posso avere diritto al prestito personale? Come debbo fare? Grazie mille anticipato.

Come abbiamo detto ottenere un prestito con la sola dichiarazione di reddito per lavoratori autonomi, non è cosa semplice, comunque vediamo nel dettaglio cosa può fare il nostro lettore.

Prestito personale lavoratori autonomi: chi concede prestiti personali?

Per far fronte alla crisi e alla precarietà di molti cittadini, alcuni istituti di credito e bancari hanno ideato prodotti a cui anche chi non ha un reddito dichiarabile e cedibile possa richiedere un prestito, con le dovute garanzie.

Una soluzione è data da Poste Italiane con Prontissimo. È un prestito rivolto ai lavoratori autonomi italiani e stranieri. Il prestito personale può essere richiesto da tutte le persone residenti in Italia, con età anagrafica tra i 18 e i 70 anni, anche non sono titolari di un conto corrente postale o bancario.

Per far richiesta del prestito basti recarsi in un qualsiasi ufficio postale e compilare l’apposito modulo. Bisogna fornire i seguenti documenti: il documento d’identità, il codice fiscale ed una dichiarazione valida che attesti il proprio reddito. I cittadini stranieri devono inoltre fornire il permesso di soggiorno ed un attestato di residenza nel paese da almeno 36 mesi.

Il lavoratore autonomo può anche rivolgersi ad Agos Ducati, che concede prestiti personali fino a 30.000 euro, presentando la propria dichiarazione dei redditi ma non solo, spesso viene richiesto anche la firma di un garante, soprattutto se il reddito certificato non riesce a garantire il rimborso del prestito.

Anche l’istituto bancario Intesa Sanpaolo propone prodotti interessanti per i liberi professionisti ed i lavoratori autonomi, come PerTe Prestito Facile. È un prestito personale flessibile, con il quale è possibile richiedere fino ad un massimo di 75.000 euro, rimborsabili fino a 120 mesi.

Per poter richiedere il prestito bisogna presentare i seguenti documenti: documento d’identità, il codice fiscale e la dichiarazione dei redditi.

Risposta al nostro lettore

Possiamo dire in base alla nostra ricerca che il nostro lettore ha la possibilità di ottenere un prestito personale, anche se in alcuni casi deve presentare delle garanzie in più rispetto al solo reddito di lavoro autonomo. Nello specifico facciamo presente che la pensione di invalidità che percepisce è un reddito non cedibile, quindi non può essere usato come garanzia al prestito.

Prestito agevolato legge 104: come ottenerlo con la pensione inabilità e qual è l’importo minimo

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.