Prezzi delle case in discesa: prezzi bassi di 13 città italiane

Scendono i prezzi delle case, ecco le 13 città in Italia che hanno subito un brusco calo e che si protrarrà fino a fine anno.

Il Covid-19 ha colpito il mattone, in calo considerevole i prezzi delle case, la situazione in via prospettica si presenta complicata fino a fine anno. Il report pubblicato di Nomisma evidenzia un mercato immobiliare residenziale in forte discesa in Italia che colpisce le 13 città più importanti. Un calo delle compravendite che vede un calo del -15,5% certificato dall’Osservatorio dell’agenzia delle entrate per il primo trimestre del 2020 con una riduzione dei prezzi che interessa anche il secondo trimestre e si prospetta la situazione in discesa fino a fine anno. 

Prezzi delle case in discesa nel 2020

Quest’anno ben 2milioni di famiglie non potranno acquistare casa. Le  famiglie non riescono a risparmiare e la pandemia da coronavirus ha peggiorato la situazione precaria del mercato immobiliare. Molte famiglie sono frenate all’acquisto di un nuovo immobili per la troppo elevata tassazione sugli immobili. Forse anche qui ci vorrebbe un intervento dello Stato per incentivare il settore del mattone. 

Prezzi in calo nelle 13 città italiane

Bari -3,9%

Bologna -2,2%

Cagliari -2,7%

Catania -4,3%

Firenze -2,0%

Genova -3,5%

Milano -0,6%

Napoli -3,5%

Padova -2,0%

Palermo -2,6%

Roma -4,0%

Torino -3,0%

Venezia -2,3%

La media delle altre città è del -2,6%.

Ti potrebbe interessare anche: Acquisto casa: le agevolazioni 2020 per la prima casa

Indagine di Nomisma

L’indagine di Nomisma evidenzia che il calo complessivo delle transazioni immobiliare è di circa il 18% passando da un valore di 603mila a 494mila compravendite. 

In termini di prezzo il ribasso si è avuto a Catania con il -4,3%, a seguire Roma con il -4%, Bari con il 3,9% e Genova con -3,5%. Contengono il calo dei prezzi nel  2020 anche se con difficoltà sono: Firenze e Padova con il -2%, Bologna con il -2,2% e Venezia con il -2,3%. 

Lo scenario si presenta difficile e si potrà per tutta la fine dell’anno 2020. Una ripresa si potrà avere nel 2021 se ci sarà una risalita dell’economica. Di pari passo si potrebbe avere una crescita del settore del mattone a cui gli italiani sono affezionati. 

L’impatto della pandemia è stato devastante e ha bloccato in modo istantaneo il mercato immobiliare. A frenare è anche la paura di un nuovo focolaio virale che potrebbe creare conseguenze molto pesanti sul sistema economico italiano. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”