Primo caso di malaria registrato in Italia, ecco dove

è stato registrato il primo caso di malaria nel nostro Paese, ecco dove

In un reparto di medicina interna di un ospedale terziario a Firenze, nel mese di agosto scorso, è stato trattato un caso di malaria.

Ecco la vicenda

L’uomo, di origini marocchine, residente nel nostro Paese, in Toscana, affetto dalla malattia apparentemente non ha avuto contatti a rischio. Quando si era recato al pronto soccorso, l’uomo presentava sintomi evidenti di un’influenza. Forte dolore muscolare e febbre alta, hanno determinato l’uomo a chiudere aiuto al personale di pronto soccorso. Non è stato possibile individuare subito dal medico di turno, che c’era qualcosa che non quadrava, anche perché il paziente aveva riferito che di recente non era stato in nessun paese endemico.

Subito dopo, l’uomo è stato ricoverato, ma solo dopo il quarto giorno, quando le condizioni di salute dell’uomo peggioravano, i medici hanno deciso di iniziare a scavare più a fondo. Al paziente,  sono state fatte analisi del sangue e la radiografia toracica, arrivando cosi alla diagnosi.

Leggi anche: Il Vaiolo ritorna, il primo contagio in Europa, massima urgenza

Malaria in ItaliaL’uomo era affetto di malaria criptica severa di Plasmodium falciparum. Questa malattia ha un periodo di incubazione abbastanza lungo, praticamente si tratta di un periodo tra sette e dieci giorni. La malattia infetta i globuli rossi, e viene trasmessa dall’anofele che in poche parole sarebbe uno dei tipi più aggressivi che necessita trattamento urgente.

Gli esami del sangue del paziente, hanno rivelato la presenza di trofozoiti di Plasmodium falciparum, sarebbe il protozoo che produce la forma più diffusa di malaria in Africa, essendo anche il motivo principale del 70 % di casi registrati.

Leggi anche: Colera una malattia debellata, si ripresenta in Italia, ecco dove

Il paziente nonostante sia stato diagnosticato in grosso ritardo, è stato indirizzato all’Unità Malattie Infettive e Tropicali con la diagnosi di malaria grave. Per ben 2 giorni gli è stato somministrato dell’artesunato e subito dopo della diidroartemisina seguito da piperaquina per altri 3 giorni. Dopo pochi giorni, l’uomo è stato dimesso.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.