Problemi con Vodafone: ricarica da 5 e 10 euro fasulle, ecco perché

Molti utenti Vodafone lamentano una pratica non corretta, imposta dall’operatore di colore rosso e che ha tante controversie.

Proprio questi operatori telefonici e tutti i loro problemi che generano hanno spianato la strada ai nuovi operatori telefonici di matrice virtuale. Stiamo parlano, in particolare, di un operatore considerato il migliore, per la qualità della sua linea, rispetto a tutti gli altri operatori classici. Stiamo parlando della Vodafone. In pratica avviene questo: una ricarica pagata 10 euro oppure 5 euro, per ricevere 9 euro o 4 euro di credito e 3 giga di traffico internet da consumare nello stesso mese. Qualcosa non va e non pochi si sono lamentati: un euro in meno, perché? Vediamo cosa è successo.

Ricariche fasulle della Vodafone? Perché ci ritroviamo con un euro in meno?

Vodafone ha così deciso che da questo momento in poi chi acquisterà una ricarica Vodafone da 5 o da 10 euro non avrà più diritto all’importo corrispondente in traffico telefonico.

Di conseguenza,  il proprio credito risulterà essere ricaricato di 4 o 9 euro con l’aggiunta di 3 giga di traffico dati che dovranno essere consumati entro lo stesso mese in cui si è effettuata la ricarica.

Eppure la Vodafone non sembra essere l’unico gestore che ha deciso di fare questo.

Ma veniamo al nocciolo della questione:  questa formula non è a libera scelta, è praticamente obbligatoria.

Sì, perché gli utenti che consumano la Vodafone non possono scegliere se “pagare” l’euro per avere traffico dati in più, oppure se è meglio ricevere l’intero importo in traffico telefonico.

Se poi non si vuole accettare questa formula, tutti gli utenti si troverebbero costretti ad effettuare una ricarica telefonica di taglio maggiore.

I problemi non finiscono qui.

Ci ritroveremo i 3 giga aggiuntivi che sono costati un euro in più e che non sono stati voluti di nostra spontanea volontà.

Questi devono essere necessariamente consumati entro il mese, perché se questo non accade, oppure se il proprio piano tariffario dispone già di un numero di giga sufficiente alla proprie esigenze, essi andranno del tutto perduti.

Gli utenti della Vodafone si fanno sentire

Chi ha scoperto l’intoppo è  Altroconsumo il quale non solo si è occupato di questo problema, ma anche di uno simile che però è accaduto con il gestore telefonico della Tim.

Comunque questo ente ha inviato una segnalazione all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom), in cui viene chiesto esplicitamente di interrompere questa pratica che non è corretta nei confronti degli utenti.

 

Leggi anche:

Vodafone lancia l’offerta Special Minuti 100 GB con minuti illimitati


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.