Proroga: pignoramenti, cartelle esattoriali e versamenti, la rottamazione anche?

Novità decreto agosto: tutte le scadenze prorogate al 15 ottobre e slittamento anche delle rateizzazioni, ma le rate della rottamazione e saldo e stralcio, sono prorogate? Ecco tutte le ultime news.

Le novità del decreto Agosto prevedono che tutti i versamenti fiscali, i piani di rateizzazione e i vari controlli spostai al 15 ottobre 2020. Restano invariate le rate di pagamento della rottamazione ter e saldo e stralcio al 10 dicembre 2020. Di seguito la tabella con le scadenze prorogate al 10 dicembre e quelle spostate al 15 ottobre previste dal Fisco

Rottamazione ter e saldo e stralcio: termine invariato

Le rate di rottamazione ter e saldo e stralcio non pagate nel 2020 si potranno pagare entro e non oltre il 10 dicembre. Non è ammessa la tolleranza dei cinque giorni. Se le rate non vengono pagate entro il 10 dicembre 2020 si perde l’agevolazione e le somme già corrisponde sono considerate come acconto sull’intero debito con aggravio di interessi e sanzioni. L’Agenzia delle Entrate Riscossione procederà con  le azioni esecutive per recuperare il debito accumulato. 

Ecco la tabella con le scadenze da rispettare:

tabella saldo e stralcio e rottamazione ter

Alcune importanti chiarimenti sono stati pubblicati dall’Agenzia delle Entrate sul pignoramento del conto corrente e l’adesione alla rottamazione ter che in alcuni casi non blocca l’azione esecutiva. È possibile trovare qui tutti i chiarimenti: Rottamazione cartelle esattoriali e pignoramento: il conto corrente non viene sbloccato

Sospese cartelle esattoriali, fermi amministrativi e pignoramenti

Si allungano i tempi prefissati al 31 agosto e adesso spostati dal decreto Agosto il 15 ottobre. Restano sospesi le notifiche delle cartelle esattoriali, invio di atti di riscossione (pignoramenti, atti amministrativi, ipoteche, ecc.). 

Più tempo per effettuare i pagamenti che derivano da avvisi bonari o accertamento esecutivo e cartelle esattoriali, tutto entro il 30novembre 2020; in effetti entro la fine del mese successivo quello della sospensione. 

Fino alla stessa data restano bloccati i pignoramenti presso terzi su pensioni, stipendi, o trattamenti assimilati. 

L’Agenzia delle Entrate Riscossione chiarisce che le somme oggetto di pignoramento non hanno nessun vincolo di indisponibilità. 

I piani di dilazioni sono stati congelati, contratti tra l’8 marzo e il 15 ottobre 2020. Le rate dovranno essere riprese entro il 30 novembre 2020. 

Nel decreto Agosto, inoltre, tutte le rateizzazione all’8 marzo 2020 e per le nuove domande presentate entro il 15 ottobre 2020, la decadenza della dilazione si verifica non più dopo cinque rate ma dopo dieci rate, anche se non sono consecutive. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”