Quali attività potrebbero riaprire già dal 14 aprile?

Cosa potrebbe riaprire parzialmente dal 14 aprile?

Il Decreto del Governo ha deciso la completa chiusura, lasciando aperti solo gli alimentari, le farmacie e poche altre attività, per la stretta necessità del cittadino. Fino ad adesso ulteriori notizie in merito non ce ne sono, ma il silenzio del Governo fa ben sperare, dopo gli ultimi e ottimi risultati nell’ultima settimana dei contagi e di alcune voci che si stanno rincorrendo.

Coronavirus ed emergenza: quali attività potrebbero iniziare a riaprire dal 14 aprile?

Dal 14 aprile si potrebbe pensare di iniziare ad aprire in modo molto graduale alcune attività, eliminando così qualche misura restrittiva del DPCM, emanata in quest’ultimo mese, a causa della pandemia che ha colpito l’Italia e il mondo intero.

La risposta potrebbe darcela a momenti il viceministro della salute Pierpaolo Sileri e cercare di fare un’identikit preciso delle attività che potrebbero riaprire dal 14 aprile. Gira voce che la riapertura potrebbe interessare tutte quelle attività dove, telefonicamente, si può prenotare e passare ad orari prestabiliti solo per poter ritirare la merce.

In questa probabile lista per la lenta e graduale riapertura e ripresa potrebbero rientrare i parrucchieri e i barbieri, tutte quelle attività che possono andare avanti con un solo dipendente come potrebbero essere gli artigiani, tra cui i falegnami, i tappezzieri, i calzolai, o comunque tutte quelle attività che potranno ricevere un cliente alla volta e solo per appuntamento, oppure cercare di predisporre la merce in anticipo in modo che il cliente, al momento dell’arrivo, possa ritirarla rapidamente, sempre uno alla volta.

Attenzione: se per caso si inizierà con questa ripresa, si vuole raccomandare tutti che questo non significa che l’emergenza è finita. Anzi, chi non ha motivo valido per uscire deve continuare a restare a casa, e quei pochi che usciranno dovranno sempre tenere a bada la sicurezza con mascherina, occhiali e guanti.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp