Quattordicesima pensione 2019: quando verrà erogata e a chi spetta

La quattordicesima pensione ne sono in attesa milioni di pensionati: ecco quando arriva e chi la percepisce

Per la quattordicesima pensione 2019 siamo in attesa della circolare INPS 2019 per stabilire i tetti di reddito e requisiti per il pagamento che avverrà con il cedolino della pensione del mese di luglio. Con le novità introdotte dalla Legge di Bilancio, si è allargata la platea di pensionati che la possono percepire, e raggiungono quasi i tre milioni e mezzo di pensionati che soddisfano i requisiti legati al reddito.

Requisiti quattordicesima pensione: va fatta domanda

La quattordicesima sarà erogata con il cedolino della pensione di luglio, per chi ha raggiunto almeno 64 anni e l’importo sarà proporzionale al tetto del reddito e degli anni di contributi versati. Per la definizione definitiva di questi parametri siamo in attesa della circolare INPS 2019.

Per ottenere la mensilità aggiuntiva non va fatta richiesta tramite domanda in quanto viene versata in automatico agli aventi diritto, in base ai redditi degli anni precedenti e ai requisiti anagrafici.

Il Dl 207/2008, articolo 35, comma 9 enuncia i criteri per il diritto alla quattordicesima per i pensionati che la percepiscono per la prima volta e il comma 8 per chi l’ha già percepita negli anni scorsi.

La quattordicesima a chi spetta?

La quattordicesima va erogata per diritto solo ad alcune categorie di pensionati, quindi l’assegno aggiuntivo in base al DL 81/2007 verrà percepito da:

  • Pensioni di vecchiaia;
  • Pensioni di anzianità;
  • Pensioni anticipate;
  • Pensioni di invalidità e di inabilità;
  • Pensioni ai superstiti.

Le pensioni che non hanno diritto alla quattordicesima sono:

  • Pensione di invalidità civile;
  • Pensione sociale;
  • Pensioni di guerra;
  • Rendite INAIL.

Per chi perfeziona i requisiti entro il 31 luglio ottiene la quattordicesima con il cedolino pensione di agosto. Chi li perfeziona invece da agosto la otterrà a dicembre.

La quattordicesima: il calcolo dell’importo spettante

L’importo della quattordicesima si calcola in base al reddito percepito, in caso di prima concessione si calcolano tutti i redditi, se invece già si è percepita bisogna tener conto anche quelli da prestazioni con obbligo di comunicazione al casellario centrale dei pensionati e i redditi diversi. In entrambi i casi, il reddito massimo del richiedente deve ricadere entro determinati tetti.

Restando in attesa della circolare attuativa INPS 2019, possiamo nel frattempo dire che il reddito deve essere fino a 2 volte il minimo, cioè spetta ai pensionati con un assegno mensile fino a 1.000 euro. Per questo si passa da una soglia di reddito di 750 euro a quella attuale di 1.000 euro.

Riportiamo l’importo della tredicesima in base ai tetti di reddito e i contributi versati, da confermarsi però in base alla nuova circolare INPS:

 

Anni di contribuzione

Reddito fino a 10.003,69Reddito fino a 13.192,92
Dipendenti fino a 15 anni

Autonomi fino ai 18 anni

437 euro

336 euro

Dipendenti fra 15 e 25 anni

Autonomi fra 18 e 28 anni

546 euro

420 euro

Dipendenti oltre i 25 anni

Autonomi oltre i 28 anni

655 euro

504 euro

Pensione di reversibilità e quattordicesima: gli importi nel 2019

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.