Quota 100: Di Maio afferma decreto legge per Natale

Luigi Di Maio ha dichiarato che per la norma su Quota 100 e reddito di cittadinanza non ci sarà nessun slittamento. Ecco i tempi di realizzazione decreto

Alla fine del Question Time, il ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha dichiarato che per la norma su Quota 100 e reddito di cittadinanza non ci sarà nessun slittamento. Anche se nella versione aggiornata della Legge di Bilancio, presentata martedì all’Unione Europea, non sono state introdotte le norme che regoleranno i provvedimenti di Quota 100 e il reddito di cittadinanza, ma sono solo state previste le coperture finanziarie.

Di Maio: “Decreto legge per Natale”

Il Vicepremier del Consiglio dei ministri Di Maio ha voluto rassicurare che le norme che regoleranno tali provvedimenti saranno emanate con due decreti legge, per Natale, collegati alla legge di bilancio 2019.

Di Maio, inoltre, ha affermato che successivamente al voto sull’approvazione della legge di bilancio da parte del Parlamento, e quindi con l’approvazione del fondo di 16 miliardi di euro, chiederà al Presidente del consiglio Giuseppe Conte, di convocare il CdM  al fine di preparare i due decreti legge che racchiuderanno le disposizioni riguardanti la Quota 100 e il reddito di cittadinanza. Tali decreti dovrebbero essere emanati entro la fine di dicembre.

Tenendo in considerazione i tempi dichiarati dal Ministro Luigi Di Maio, la Quota 100 dovrebbe entrare in vigore per la prossima primavera. Questa prevede che per tutti coloro che hanno raggiunto i 62 anni di età e 38 anni di contributi effettivi possono richiedere il pensionamento; tenendo conto di eventuali penalizzazioni contenute nella relazione dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio, molti italiani non aderiranno, in quanto non sono disposti a subire un taglio sull’assegno previdenziale.

L’entrata in vigore della Quota 100 è stata prevista con 4 finestre d’uscita per i dipendenti privati, per i dipendenti della Pubblica Amministrazione sono previste 2 finestre, mentre per il comparto scuola 1 sola finestra per il mese di settembre.

Quota 100: cosa prevede il Governo

Pensioni Quota 100, la legge si farà ma penalizzerà qualcuno

Oltre alla Quota 100, il Governo ha previsto diversi interventi come l’incremento delle pensioni minime a 780 euro al mese e il reddito di cittadinanza

Tra le modifiche alla Legge Fornero c’è anche la proroga dell’opzione donna. In cui si dà la possibilità alle donne lavoratrice sia dipendenti che autonome di poter andare in pensione anticipatamente con il ricalcolo contributivo dell’assegno. Inoltre si prevede anche una proroga dell’Ape sociale per le categorie più disagiate.

Molto probabilmente, il Governo ha pensato di introdurre anche una nona salvaguardia pensionistica e il blocco allo scatto della speranza di vita per le pensioni anticipate, con 42 anni e 10 medi di contributi per gli uomini, 41 anni e 10 mesi per le donne e 41 anni per i lavoratori precoci.

Si parla anche di una nuova indicizzazione delle pensione medio alte, che potrebbero essere rivalutate con il meccanismo più favorevole alla legge 388/2000.

Tutti questi provvedimenti per essere attuati c’è bisogno di alcuni cambiamenti a legislazione vigenti e quindi si intuisce che non sono di immediata realizzazione.

Pensione e reddito di cittadinanza 2019: previsto Decreto per Natale

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.