Ragazza di 20 anni picchiata selvaggiamente dal compagno fino ad abortire

Una ragazza di 20 anni denuncia il convivente che l’ha picchiata fino a farla abortire.

Arrestato un ragazzo di 20 anni per l’ennesima storia di violenza tra le mura domestiche. A scoprire l’ennesima storia di violenza è la polizia di Palermo dopo la denuncia di una giovanissima vittima, anch’essa ventenne, che ha raccontato le prevaricazioni quotidiane cui era costretta. L’accusa per il ragazzo è di maltrattamenti, lesioni gravi, violenza privata e procurato aborto perchè ha picchiato la compagna incinta fino a farla abortire.
La ragazza, dopo l’ennesima violenza subita alla fine dello scorso febbraio, ha deciso di rivolgersi alle forze dell’ordine raccontando agli investigatori che al chiuso delle mura domestiche era costretta a subire violenze quotidiane durate oltre un anno di convivenza ma che sono continuate anche quando ha deciso di porre termine alla relazione. Dopo che la giovane ha deciso di interrompere la convivenza con l’uomo che la stava massacrando il giovane ha continuato a pestarla, l’ultima volta a febbraio quando la vittima era stata picchiata fino alla rottura del setto nasale. In un occasione il giovane avrebbe pestato la compagna incinta prendendola a calci sul ventre con il chiaro intento di provocarle un aborto.

Sulla violenza domestica leggi anche: Donna prigioniera in casa per 8 anni: il marito padrone la controllava con le telecamere


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Redazione

Notizie scritte dalla redazione di cronaca, notizie, salute, viaggi, gastronomia e musica di NotizieOra.