Ragazza muore dopo che ha ‘’respirato’’ per mesi la muffa in università

Muore di polmonite acuta dopo aver ”respirato la muffa, ecco cosa è successo

Morire a 18 anni a causa della muffa è agghiacciante, gli esperti dicono che la muffa uccide, infatti il caso della ragazza morta a causa di una polmonite, contratta dalla muffa che si trovano nell’università che frequentava, ha lasciato tutti senza parole.

 Ecco la vicenda

Olivia Paregol, una ragazza di soli 18 anni, per mesi interi è stata a stretto contatto con la muffa, in seguito ha contratto un virus che mira a danneggiare le vie respiratorie.

Leggi anche: Inghiotte una lumaca per una scommessa, muore 8 anni dopo

In poche parole, si tratta dell’adenovirus, che ha ucciso ben 11persone ultimamente in New Jersey.

A quanto pare anche altri studenti che frequentavano l’università del Maryland, insieme a Olivia hanno riferito alla scuola la presenza di muffa nella stanza. Da troppi mesi si respirava questa terribile muffa, e quando il personale competente è intervenuto, ormai era troppo tardi, la ragazza aveva già contratto il virus, ed è deceduta. Sono stati proprio i suoi compagni di stanza della ragazza a dire che probabilmente proprio per colpa della muffa, Olivia si è ammalata, in seguito procurandoli una brutta polmonite acuta.

Purtroppo, Olivia era affetta dal morbo di Crohn, e le sue difese immunitarie erano molto debole. All’inizio, la 18 enne ha iniziato a tossire dopodiché le sue condizioni di salute peggioravano giorno per giorno.

Una compagnia di stanza di Olivia, dichiara: “Non riuscivamo a dormire la notte perché i cuscini sono vicini alla parete piena di muffa e tossivamo in continuazione. Quando tornavamo a casa nei fine settimana stavamo bene, poi al rientro all’Università ricominciava tutto daccapo “.

Leggi anche: Muore di cancro dopo aver ricevuto i polmoni da un fumatore, ecco dove

Proprio per la fastidiosa tosse, le compagne della ragazza, hanno iniziato a preoccuparsi seriamente e hanno avvisato i funzionari dell’università. Subito dopo la denuncia, hanno ottenuto il trasferimento insieme ad altri 500 studenti in altre strutture, ma ormai per Olivia, non c’era più nulla da fare.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.