Reddito di cittadinanza 2019, aumentano le sanzioni del 20%, le ultime novità

Reddito di cittadinanza 2019, aumentano le sanzioni del 20%, le pensioni di cittadinanza potranno essere chieste attraverso i patroniati, le ultime novità.

Durante la conversione in legge del D.L. 4/2019 che ha introdotto il reddito di cittadinanza, potrebbero essere aumentate le sanzioni per i beneficiari che risulteranno essere già occupati in nero (incremento del 20%). Si prevede anche l’esclusione dal reddito di cittadinanza anche per i soggetti che saranno soggetti alla condanna definitiva per criminalità organizzata, terrorismo e truffa aggravata.

Inoltre, le richieste per la pensione di cittadinanza potranno essere effettuate anche presso i patronati.

Reddito di cittadinanza o reddito base, le persone più felici e senza lavoro

Posti di lavoro vacanti per reddito di cittadinanza

Il sistema del Reddito di cittadinanza (Rdc) prevede nuove incentivazioni contributive per i datori di lavoro che assumono beneficiari del reddito, a condizione che provvedano alla pubblicazione dei posti di lavoro vacanti nella nuova piattaforma del Rdc gestita dall’Anpal nell’ambito del sistema informativo unitario.

Reddito di cittadinanza: un nuovo emendamento

È all’esame della Commissione lavoro del Senato un emendamento presentato al disegno di legge di
conversione del D.L. 4/2019, che richiede, per la fruizione del reddito di cittadinanza da parte dei cittadini stranieri non appartenenti all’Unione europea, di comprovare la composizione del nucleo familiare mediante apposita certificazione rilasciata dalla competente autorità dello Stato estero, tradotto in lingua italiana e legalizzata dall’autorità consolare del nostro Paese.

Reddito di cittadinanza e importo erogato

Si parla in questi ultimi gionri della problematica legata all’effettivo importo che sarà erogato con il reddito di cittadinanza. L’ufficio parlamentare di bilancio, in base ai dati rilevati delle dichiarazioni ISEE del 2017 ha dedotto che in realtà l’importo che percepiranno gli italiani in povertà sarà molto inferiore rispetto a quello auspicato. Per circa il 60% dei beneficiari l’importo sarà pari a circa 3 mila euro l’anno, cioè 273 euro al mese.

Per tutte le informazioni sull’argomento, consigliamo di leggere: Reddito di cittadinanza: un disincentivo al lavoro, ecco perché non conviene lavorare


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”