Reddito di cittadinanza: i soldi in conto corrente aumentano l’ISEE

Reddito di cittadinanza e soldi il conto corrente, si rischia che la domanda non viene accettata o per chi ne fruisce di perdere il beneficio, ecco perchè.

Molti i casi di esclusione dal reddito di cittadinanza per valore patrimoniale troppo alto nell’ISEE. I soldi in conto corrente possono portare un’alzamento della soglia. Infatti, per patrimonio mobiliare si intende il valore risultante nella Dichiarazione ISEE (DSU), relativo a depositi e conti correnti, titoli di Stato, azioni e gli altri strumenti finanziari previsti dalla normativa ISEE.

Reddito di cittadinanza: soglia del valore patrimonio mobiliare

Per accedere al reddito di cittadinanza la soglia del patrimonio mobiliare deve rispettare i seguenti limiti:

√ un valore non superiore a 6.000 euro che può essere aumentato in base al numero dei componenti del nucleo familiare e di eventuali soggetti disabili presenti nello stesso. 

Per maggiori chiarimenti sul valore mobiliare e immobiliare, vi consigliamo di consultare: Reddito di cittadinanza: differenza fra valore da considerare

Per i soldi sul conto corrente mi hanno respinto la domanda

Una lettrice ci scrive su Facebook:

Salve, sono una signora, ho 61anni, sono in Italia dal 2003, ho lavorato fino a gennaio 2018. Nel 2015 mi sono ammalata di Parkinson e quando sono peggiorata non ho trovato più lavoro. Sono inscritta al CPI per il collocamento mirato ma non trovo niente.

Ho fatto due volte la domanda per il reddito di cittadinanza però dall’INPS, la risposta e negativa perché non corrisponde l’ISEE. Ritengo che avessi un po’ di risparmi sul conto corrente nel 2018 ma siccome pago certe cure e medicine che sono necessarie, adesso non ho più soldi per curarmi, ho l’invalidità 60% e alla mia età 61 anni e con la malattia non posso trovare lavoro.

Vi prego datemi un consiglio che devo fare? Grazie anticipatamente

ISEE e giacenza media

Va precisato che per poter accedere al reddito di cittadinanza ci sono delle soglie di reddito che non bisogna superare, come sopra descritto. Quindi, le conviene chiedere spiegazioni al CAF che le ha presentato la domanda, e chiedendo l’effettiva motivazione di esclusione.

Le regioni di tutt’Italia per emergenza coronavirus, hanno istituito contributi per le famiglie e per le persone che necessitano di assistenza.

Anche qui, le consiglio di chiamare il Caf per vedere se rientra in qualche agevolazione. Di solito viene richiesto l’ISEE in corso di  validità. Mi rendo conto del grave disagio che sta attraversando, ma l’Isee è un indice di riferimento per tutte le prestazioni assistenziali, per questo deve capire qual è la vera motivazione di esclusione, anche se le nuove prestazioni hanno un ISEE di riferimento molto più alto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”