Reddito di emergenza, respinta una domanda su due

Reddito di emergenza, c’è tempo fino al 31 luglio: vediamo i dati della misura con domande presentate e accolte.

A due mesi dall’introduzione del reddito di emergenza vengono forniti i primi dati sulla misura come domande accolte, respinte e importo medio corrisposto. I dati sono riferiti alla data del 30 giugno. Introdotto dal Decreto Rilancio, vediamo i dati quando ci troviamo a 15 giorni dalla scadenza della presentazione della domanda (ricordiamo che per gli aventi diritto c’è possibilità di richiedere il sussidio soltanto entro il 31 luglio 2020).

Reddito di emergenza, la fotografia dell’INPS

I nuclei familiari che hanno presentato, al 30 giugno, domanda per ottenere il sussidio sono 455mila, ma le domanda accolte dall’INPS sono soltanto il 46% del totale, ovvero il reddito di emergenza è stato concesso soltanto a 209mila famiglie.

Ben il 49% delle domande presentate appartenevano a nuclei familiari che non possedevano i requisiti di accesso alla misura. Il 5% dei nuclei familiari che hanno presentato richiesta, infine, sono ancora in attesa di una risposta di accettazione o rigetto da parte dell’INPS.

Il maggior numero di richiesti si è concentrato ne Sud e nelle Isole con il 48% delle domande, nel Centro sono state presentate il 19% delle domande e al Nord il 33% delle richieste. In ogni caso le richieste del reddito di emergenza hanno restituito quasi le stesse percentuali di richiedenti del reddito di cittadinanza.La regione con più richieste è la Campania con il 18,4% delle domande totali presentate a anche la regione dove è stato erogato l’importo più alto, ovvero 614 euro mensili.

Importo medio mensile erogato con il reddito di emergenza è di 572,48 euro.

Reddito di emergenza e requisiti di accesso

Ricordiamo che il reddito di emergenza spetta per 2 mensilità con importo base fissato a 400 euro mensili elevabili fino a 800 euro (840 in caso di nucleo familiare con disabile) in base alla composizione del nucleo familiare.

I requisiti per accedere al reddito di emergenza sono:

  • il nucleo familiare, anche se straniero, deve risiedere in Italia
  • si deve avere un valore del reddito familiare riferito al mese di aprile 2020, inferiore alla cifra spettante mensilmente con il REM
  • il valore del patrimonio familiare deve essere inferiore a 10mila euro, elevabile di 5mila euro per ogni ulteriore componente del nucleo oltre al richiedente ma ne limite dei 20mila euro
  • si deve avere un valore ISEE inferiore a 15mila euro

Per approfondire consiglio la lettura dell’articolo sui requisiti necessari per accedere al reddito di emergenza con eventuali incompatibilità: Reddito di emergenza nel Decreto RIlancio: requisiti, importi, incumulabilità e domanda


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.