Reddito e pensione di cittadinanza anche per i disabili, la povertà tocca anche loro

Reddito e pensione di cittadinanza anche per i disabili, la povertà tocca anche loro, aiutamoli!

Angelina — Sono Iacopo, ho 27 anni e sono disabile. Ti scrivo perché ho lanciato una campagna per chiedere di integrare con alcuni emendamenti il Reddito e la Pensione di Cittadinanza. Perchè? Perchè noi disabili al momento non possiamo richiedere questi sussidi come gli altri cittadini. Se, infatti, prendi la misera pensione di invalidità non puoi accedere al reddito di cittadinanza: come se i disabili fossero ricchi! Dovevano abolire la povertà ma si sono dimenticati della disabilità. Per favore: #APRIAMOGLIOCCHI. Sosteniamo insieme questo appello!

Reddito e pensione di cittadinanza anche per disabili

L’attuale manovra di Governo in ambito di disabilità ha creato danni e disparità illudendo i cittadini con provvedimenti poco chiari e comunicazioni ingannevoli. Spesso ci si dimentica dei disabili e le loro famiglie: infatti non è stato previsto, in alcuna forma e in alcun modo, l’aumento dei trattamenti assistenziali per invalidità civile – eppure è stata un’ipotesi ripetutamente avanzata dal Governo.

Per questo motivo la Onlus #Vorreiprendereiltreno ha deciso di lanciare questa campagna su “Reddito e Pensione di cittadinanza”.

Reddito e pensione di cittadinanza sfavorevole al nucleo familiare con disabile

Per quale motivo? Forse non è noto a molti, ma i requisiti di accesso a questo nuovo strumento sono decisamente sfavorevoli se in famiglia c’è già una persona con disabilità.

#APRIAMOGLIOCCHI è una campagna che avanza cinque proposte costruttive per il Governo a costo zero, cinque emendamenti da aggiungere al decreto legge già in vigore e ci piacerebbe che il Governo ci ascoltasse.

Ad esempio, lo sapevi che per le persone sopra i 67 anni il Reddito di Cittadinanza viene denominato Pensione di cittadinanza, ma non viene erogato se un over 67 vive con una persona con disabilità grave? Pensate, ad esempio, ad un genitore anziano che vive con un figlio disabile. Noi chiediamo di estendere la pensione di cittadinanza anche a questo nuclei famigliari.

Reddito e pensione di cittadinanza: le proposte

Chiediamo che le pensioni di invalidità – che al momento rientrano nel calcolo del reddito familiare (Isee) – non vengano tenute in considerazione per accedere al Reddito di Pensione e Cittadinanza, da cui altrimenti i disabili sarebbero esclusi. Sembra paradossale che se uno prende la pensione di invalidità è ritenuto ricco e quindi non ha bisogno del reddito di cittadinanza.

Chiediamo inoltre che in base alla gravità della disabilità venga innalzata la soglia e il limite del patrimonio mobiliare fino a 7.500 per ogni componente con disabilità media e di euro 10.000 per ogni componente con disabilità grave.

Vorremmo, inoltre, che il Governo valuti l’idea di rivedere la “scala di equivalenza” (un criterio matematico con cui viene  “pesato” il numero dei componenti familiari) in senso più favorevole a chi è diversamente abile.

Infine, chiediamo di concedere le agevolazioni previste dalla norma sul reddito di cittadinanza alle sole aziende che siano in regola con la legge 68 del 1999: cioè quel provvedimento che prevede per le grandi aziende l’assunzione di parte del personale disabile.

La povertà tocca anche i disabili: aiutiamoli!

Ad ogni vostra firma questa petizione verrà indirizzata a tutti gli esponenti del Governo, affinché prendano seriamente in considerazione il tema disabilità, non per questioni propagandistiche ma perché giusto e necessario. Alle associazionie ai cittadini chiediamo di firmare e diffondere! #APRIAMOGLIOCCHI

Firma qui La petizione: #APRIAMOGLIOCCHI: il Governo garantisca i diritti dei disabili


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”