Regime forfettario 2020: i nuovi vincoli per pagare meno tasse

Regime forfettario 2020: la soglia di 65 mila euro non basta più, ecco altri tre limiti da rispettare per accedere alla flat tax al 15%.

La nuova legge di Bilancio 2020 che è in corso di approvazione al Parlamento, prevede un nuovo regime forfettario. Si va sempre più delineando un regime forfettario che assomiglia a quello degli anni trascorsi e non all’ultima versione che è attualmente in vigore. Infatti, molto probabilmente per accedere dal 1° gennaio alla flat tax i requisiti saranno molto più stringenti.

Regime forfettario: il limite del reddito

Una cosa certa è che per accedere al nuovo regime forfettario resta sempre la soglia dei 65 mila euro di ricavi. Quindi per chi non l’ha superata potrà rientrare nel regime agevolato. Invece per chi ha ottenuti ricavi tra 65 mila e 100 mila euro esce definitivamente fuori dalla flat tax, in quanto questa fascia di reddito non è stata proprio considerata nella manovra finanziaria che è attualmente in discussione.

Regime agevolato: altri tre paletti

Ma anche se rientra nel limite di reddito, e non si hanno ancora tutte le credenziali in regola non si può rientrare nel regime agevolato. Infatti i requisiti per rientrare nel regime forfettario sono cambiati, fino a quest’anno bastava solo quello del reddito, dal 2020 invece occorrerà aver non aver conseguito nell’anno precedente redditi di lavoro dipendente per importi complessivi superiori a 30 mila euro.

È un vecchio requisito presente già negli anni passati ed era stato eliminato nel 2018. Invece, ora dal 2020, se si supera il tetto di 30 mila euro di redditi si verrà esclusi dall’accesso al regime forfettario.

Un altro paletto da considerare è che il costo per il personale assunto alle dipendenze o anche in forma di collaborazione a progetto o occasionale non dovrà superare i 20 mila euro annui, quest’importo include i costi lordi, comprensivi degli oneri previdenziali a carico del datore di lavoro. quindi sicuramente sarà difficile, per chi vuol rientrare nel regime forfettario, assumere più di un dipendente a tempo pieno o due collaboratori part time.

In più si è aggiunto il paletto della quota di beni strumentali, cioè quelli necessari all’esercizio dell’attività. In questo caso la soglia da rispettare è di 20 mila euro all’anno, al lordo degli ammortamenti.

Tutti questi paletti introdotti, sicuramente ridurranno di molte il numero delle imprese ammesse al regime forfettario a partire dal 1° gennaio 2020. Chi avrà superato tutti i paletti potrà usufruire della flat tax al 15%.

Regime forfetario: verifica dei requisiti in attesa della legge di Bilancio 2020

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.