Regime forfettario e scontrini telematici: esonero e criticità

Regime forfettario e casi di esonero di emissione dello scontrino telematico, alcuni chiarimenti in merito alle disposizioni normative vigenti.

Regime forfettario e scontrini telematici, quale attività è esonerata? Analizziamo quando è previsto l’esonero rispondendo ad un nostro lettore: Buongiorno, sono la titolare di un’azienda agricola la quale produce e trasforma i  prodotti agricoli della propria azienda. Sono coltivatrice diretta ed in regime forfettario e svolgo attività di vendita al minuto. Mi sapete dire la disposizione di legge dal 1 gennaio 2020? Grazie della cortese risposta 

Esaminiamo in breve quando sussiste l’esonero.

Esonero dell’emissione degli scontrini telematici e regime forfettario

La normativa al momento esonera alcune categorie a partire dal 1° gennaio 2020 all’obbligo dello scontrino telematico, e sono le seguenti operazioni:

  • tutte le operazioni effettuate a bordo di aeri, navi o treni nel caso di trasporti internazionali;
  • operazioni per servizi di trasporto pubblico;
  • le operazioni effettuate da produttori agricoli, tabaccai e per la vendita di quotidiani.

Il decreto al momento non esclude all’obbligo i minimi e i forfettari, quindi anche per loro l’obbligo di mettersi in regola con lo scontrino telematico.

Il Dm Economia del 10 maggio 2019 chiarisce gli esonerati degli obblighi di memorizzazione e trasmissione dei corrispettivi telematici. Il Dm, dispone che chi già non era obbligato all’emissione dello scontrino fiscale ai sensi dell’art. 3 del Dlgs 696/1996 continua a non essere obbligato.

Fra le operazioni non obbligate allo scontrino fiscale, figurano anche le cessioni di prodotti agricoli effettuate da produttori agricoli in regime speciale (articolo 34, comma 1, del Dpr 633/1972).

La normativa espone delle precisazioni sui produttori agricoli per i casi in cui il produttore agricolo pur avendo un regime speciale IVA è obbligato ad emettere lo scontrino fiscale, questo quando cede prodotti non rientranti nel primo  Ma ci sono casi in cui il produttore agricolo pur operando in regime speciale Iva deve emettere lo scontrino fiscale e quindi procedere all’invio telematico e cioè quando cede prodotti non rientranti nel primo comma dell’articolo 34 del Dpr 633/1972.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”