Requisiti pensione quota 41: si può interrompere la Naspi per accedere?

Per un lavoratore disoccupato quali sono i requisiti pensione quota 41? Cerchiamo di capire quali sono i paletti da rispettare.

Quali sono i requisiti pensione quota 41? La misura è dedicata esclusivamente ai lavoratori precoci, ovvero coloro che hanno versato almeno 12 mesi di contributi prima di compiere i 19 anni di età. Ma non basta appartenere alla categoria dei lavoratori precoci per poter accedere a questa forma di pensionamento. Vediamo per chi è possibile la pensione con 41 anni di contributi.

Requisiti pensione quota 41

Un nostro lettore ci chiede in ambito previdenziale: Buongiorno, vi volevo chiedere ma se raggiungo i 41 anni di contributi prima di aver usufruito di tutta la NASPI posso interromperla e fare domanda di pensione? 

Come abbiamo anticipato in apertura, i requisiti pensione per la quota 41 non riguardano solo l’appartenenza alla categoria del lavoro precoce ma richiedono il rispetto di altri paletti e nello specifico la misura permette il pensionamento di: 

  • Dipendenti disoccupati a causa di licenziamento (e non a causa naturale scadenza di contratto a termine) che hanno terminato da almeno 3 mesi di percepire la Naspi spettante
  • Dipendenti e autonomi che al momento della richiesta assistono da almeno 6 mesi un familiare convivente entro il primo grado (coniuge, figlio o genitore) con handicap grave ai sensi della legge 104 articolo 3 comma 3
  • Dipendenti e autonomi con invalidità accertata pari o superiore al 74%
  • Addetti ai lavori usuranti
  • Addetti alle mansioni gravose

Per conoscere tutte le novità in ambito previdenziale puoi consultare la nostra categoria Pensioni News.

Lei, quindi, nel caso specifico potrebbe rientrare con i requisiti di pensione quota 41 in qualità di lavoratore dipendente disoccupato. Per soddisfare, però tutti i requisiti richiesti per l’accesso dovrebbe fruire dell’intera Naspi spettante e attendere, poi, ulteriori 3 mesi.

Poco importa, in questo caso, se raggiunge i 41 anni di contributi richiesti per l’accesso prima del termine dell’indennità di disoccupazione poichè la misura richiede espressamente che sia stata fruita l’intera Naspi spettante e che l’indennità sia terminata da almeno 3 mesi.

Se dovesse interrompere la Naspi, quindi, prima del suo termine naturale si troverebbe ad avere si, i 41 anni di contributi, ma non sarebbe in possesso del requisiti richiesto alla categoria tutelata dei lavoratori disoccupati.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.