Resilienza: quanto il Virus ha saggiato la nostra capacità di reagire alla vita

La resilienza è la capacità di assorbire gli eventi negativi, di farli rimbalzare e di attutirne le conseguenza. L’etimologia rimanda alla capacità di un materiale di resistere alla rottura dinamica e si tratta di un termine che circola ormai da secoli. Ma quanto è difficile ritrovarla dopo il Covid-19?

Resilienza: la capacità di modellare il proprio animo in modo da attutire gli effetti di un evento negativo. Non tutti la possiedono, altri l’acquistano col tempo. Oggi la nostra resilienza è stata messa a dura prova, ma, dopo la pandemia globale, è ancora più importante ritrovarla.

Resilienza: quando ci si può vantare di possederla

Non tutti sono portatori di resilienza; altri magari semplicemente non lo sanno. Esistono alcuni fattori che ci aiutano a riscontrala. La resilienza implica innanzitutto una buona dose di ottimismo. Saper affrontare con spirito positivo le difficoltà della vita è sicuramente indice di resilienza. Altri fattori, di più difficile individuazione sono: la capacità di affrontare problemi e cambiamenti, l’empatia, la comunicazione.

Sembrerà strano, ma gli individui con più resilienza sono proprio i più piccoli! In un bambino, la capacità di affrontare un problema, quella di intraprendere ogni avventura con spirito positivo e tanto desiderio, sono indice di resilienza. Gli individui più adulti, invece, devono coltivarla durante il corso della propria vita.

Resilienza: molto spesso si tratta di atteggiamento

La resilienza è sicuramente agevolata dalla capacità di intraprendere un certo tipo di atteggiamento. L’atteggiamento giusto, in determinati momenti della vita, è la chiave per la positività! Si tratta infatti di una pratica molto vicina ai principi della Mindfulness ed al ritrovamento del benessere psicologico.  Resilienza significa semplicemente adattarsi bene ai momenti difficili della vita, saperne minimizzare impatti ed urti, accettarne le conseguenze e cicatrizzarle.

Traumi, eventi negativi, periodi difficili fanno parte della vita di ciascuno e non sono sopprimibili. Quello che può cambiare è invece lo spirito di adattamento a tali eventi sfavorevoli. Saperne comprendere e “schiacciare” le conseguenze, ci permette di vivere meglio!

Come contestualizzarla durante l’emergenza Corona Virus:

La resilienza è divenuta ancora più importante dopo l’emergenza che ha scosso il nostro Paese. Se alcuni sembrano non aver subito le conseguenze dell’epidemia, altri ne sono usciti fortemente provati. Il Virus ha certamente modificato le nostre abitudini, ci ha costretto a barricarci in casa per mesi e a diminuire i nostri contatti sociali.

L’individuo ne è uscito fortemente scosso e la sua capacità di affrontare i cambiamenti è stata fortemente testata.  Ma la resilienza non è innata e spetta a noi coltivarla come un’azione fortemente voluta.  Un giorno potremo guardare indietro e renderci consapevoli di come il nostro atteggiamento sia stato fondamentale nel superamento di questo periodo complesso.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Giulia Curiale

Penso che scrivere sia il modo più immediato per far conoscere se stessi agli altri, per poter mettere a nudo le proprie emozioni o i propri pensieri. Scrivere vuol dire comunicare attraverso un canale a sè, unico e, per questo, speciale. Sono Giulia, ho 25 anni e sono laureata in Giurisprudenza. Amo l'healthy food, la vita salutare, lo sport, ma la mia curiosità mi spinge a interessami praticamente ad ogni aspetto più svariato. Scrivo, perchè scrivere è un'esigenza!