Calcio: il protocollo di sicurezza per riaprire gli stadi

La Lega di Serie A ha presentato alla FIGC e al Governo un protocollo di sicurezza per permettere la riapertura degli stadi prima della fine del campionato

Con la proroga dello stato di emergenza deciso dal Governo, il primo interrogativo che ha interdetto i tifosi riguardava la possibilità di una riapertura degli stadi prima della fine del campionato. La Lega di Serie A ha preparato un protocollo, che passerà al vaglio degli esperti, per riaprire quanto prima gli impianti in sicurezza. 

Possibile riapertura degli stadi ad agosto

Il documento redatto dalla Lega è stato inviato alla FIGC (Federazione italiana giuoco calcio) e al Governo. Quest’ultimo, in collaborazione con il Comitato tecnico-scientifico, dovrà, infatti, decidere se aprire, pur in modo parziale, gli stadi e con quali modalità. Dopo il lungo di battito sulla ripresa del campionato di serie A, che ha portato all’elaborazione di un protocollo di sicurezza per giocatori, allenatori e staff, le principali società puntano a concludere il campionato con i tifosi sugli spalti. 

Al momento, se si dovesse decidere di riaprire gli stadi già ad agosto, sarebbe sicuramente per solo un terzo della capienza. Un problema non da poco, considerando che non tutti gli impianti hanno la medesima grandezza e soprattutto i numeri del contagio variano da Regione a Regione. Il tempo a disposizione non aiuta, mancano infatti solo tre settimane alla fine del campionato di Serie A e sembra sempre più probabile un’eventuale riapertura a settembre. 

Il protocollo di sicurezza

Il protocollo di sicurezza, stilato dalla Lega di Serie A e inviato alla Federcalcio, prende in analisi tutti i 17 principali stadi italiani. Il report riguarda sostanzialmente la capienza, le eventuali vie di accesso e uscita per evitare assembramenti, le uscite di emergenza e il distanziamento sociale sugli spalti. In media si stima che ogni stadio possa contenere una percentuale di pubblico fra il 25% e il 40%, soprattutto in curva, in base alla propria grandezza. 

Si pensa, infatti, a una capienza massima di circa 35mila persone per lo Stadio San Siro di Milano e a poco meno di 20mila persone per l’Allianz Stadium di Torino. Verosimilmente sarà obbligatorio indossare le mascherine in entrata e in uscita, si dovrà rispettare il distanziamento sociale con seggiolini distanziati e gli ingressi saranno scaglionati e divisi per evitare affollamenti. 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp