Riapertura scuola: due possibili ipotesi

Ancora altre due ipotesi vengono esaminate dal MIUR e dalla task force del professore Bianchi sul tema riapertura scuola per il mese di settembre.

Come già ribadito in questi giorni, l’inizio della fase due è sempre più vicina e coincide con la data del 4 maggio 2020. Da questa data in poi, in modo graduale riapriranno gli esercizi commerciali di ogni tipo, mentre per la riapertura della scuola bisognerà ancora aspettare. Infatti, per parlare di riapertura scuola a tutti gli effetti bisognerà aspettare ulteriormente fino a settembre 2020 così come deciso dalla Azzolina. Secondo varie fonti giornalistiche, poi,  è anche possibile che la riapertura di settembre non avvenga affatto. In merito a quanto detto fino ad adesso, si stanno facendo strada due possibili ipotesi. Scopriamole di seguito.

Riapertura scuola, le due possibili future ipotesi

Se si parla di riapertura scuola si pensa direttamente al mese di settembre, periodo in cui è previsto un ritorno tra i banchi, seppur in modo ancora incerto.

Infatti, nei giorni scorsi, si stava ipotizzando di ritornare a scuola con mascherine e guanti, al fine di tutelare la salute di studenti e non.

Altra ipotesi avanzata più recentemente è quella di tenere sotto sorveglianza i docenti over 55, permettendo loro di fare lezioni da remoto, almeno nel primo periodo di settembre.

Comunque sia, nuove notizie giungono dal MIUR che, in accordo con la task force presieduta dal professore Patrizio Bianchi, ha avanzato due ipotesi tutt’ora in esame.

La prima ipotesi prevede la divisione degli studenti di una classe in due gruppi, così da permettere l’alternanza di lezioni in presenza fisica e di quelle fatte online.

La seconda ipotesi, invece, consiste nel suddividere gli stessi alunni in gruppi che dovranno recarsi a a scuola chi di mattina e chi di pomeriggio.

E per gli studenti più piccoli?

Si pensa anche alla riapertura scuola degli studenti più piccoli, dove è impossibile mantenere quella distanza necessaria per evitare contatti.

A tal punto, si ipotizza che le scuole materne ed asili nido resteranno chiusi per tutto l’anno scolastico, permettendo ai genitori di usufruire del potenziamento del bonus baby sitter.

 

Nei giorni che seguiranno attendiamo ulteriori informazioni o conferme di quanto detto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.